HomeComunicatiRegolarizzazione. Bilongo, provvedimento pieno di falle, mancata scelta coraggiosa

Regolarizzazione. Bilongo, provvedimento pieno di falle, mancata scelta coraggiosa

“Tra tre settimane calerà il sipario sull’emersione, un provvedimento pieno di falle che richiede interventi urgenti. Sono ormai due mesi che siamo in attesa del decreto interministeriale che deve fissare l’importo degli arretrati fiscali e previdenziali a carico del datore di lavoro intenzionato a percorrere la via della regolarizzazione. Anziché provvedere finalmente a perfezionarne l’architettura, vengono inseriti ulteriori adempimenti burocratici che avranno come effetto quello di raffreddare l’entusiasmo per l’emersione”, dichiara JeanRené Bilongo, Coordinatore Osservatorio Placido Rizzotto– Flai Cgil.

“Regolarizzare ha un significato politico preciso: il bivio tra mantenere centinaia di migliaia di lavoratrici e lavoratori in una condizione di perenne schiacciamento, alla mercé dei caporali e degli sfruttatori, con il corollario di abusi e violenze; oppure la scelta di assumersi la responsabilità di rendere quei lavoratori oggi invisibili soggetti di diritti, dotati di anticorpi contro una vulnerabilità lavorativa e sociale estrema.

Mancanze, ritardi e indifferenza manifesta di alcuni decisori fanno venire il sospetto che sacche di resistenza e di opposizione politica all’emersione non si siano mai dissipate e prevalgano rispetto al buon senso che ne dovrebbe governare il percorso attuativo. Il siluramento in blocco di tutti gli emendamenti in vista della conversione in legge dell’articolo 103/DL Rilancio era già stato un grave segnale di rifiuto della dialettica democratica.

Ma la conferma di un preannunciato disinteresse sembra purtroppo arrivare con la decisione del Dicastero del Lavoro di non affrontare con chiarezza le disposizioni relative a arretrati fiscali e previdenziali, fondamentali per la messa a regime dell’impianto: senza conoscere con esattezza a quali oneri andranno incontro i datori di lavoro, difficilmente in molti decideranno di presentare l’istanza di emersione.

Non ci si stupisca quindi per i numeri delle domande presentate.

Questioni cosi importanti, che hanno effetti sulla vita delle persone e contro effetti sulla reputazione del Sistema Paese, dovrebbero essere affrontati con la massima trasparenza e soprattutto con il comune obiettivo di rendere semplice, il più possibile veloce ed efficace un processo che abbiamo rivendicato per tutelare le persone nel lavoro, riportandole nell’alveo della legalità e della dignità.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...