HomeComunicatiPesca. Ancora morti sul lavoro. Governo intervenga per prevenire altre tragedie

Pesca. Ancora morti sul lavoro. Governo intervenga per prevenire altre tragedie

Necessaria l’applicazione del Testo Unico 81/2008 anche ai lavoratori della pesca

“E’ di due giorni fa l’ennesima tragedia nel mare, nel Gargano è morto un pescatore imbarcato su un peschereccio della marineria di Molfetta. Siamo davanti ad un ripetersi preoccupante di incidenti che coinvolgono i lavoratori della pesca e che spesso sfociano in incidenti mortali. Incidenti annunciati, incidenti che denunciamo con forza e che chiamano in causa precise responsabilità. È trascorso un anno e due mesi dalla consegna alla segreteria della Presidenza della Camera di 15mila firme, raccolte dalla Flai Cgil per impegni immediati ed un cambio di passo in materia di salute e sicurezza per i lavoratori del settore della pesca”. Lo dichiara in una nota Sara Palazzoli, Segretario Nazionale Flai Cgil.

“In particolare, la petizione chiede di sanare un vuoto inspiegabile e grave, infatti, ai lavoratori della pesca non è applicato il Testo Unico 81/2008 su salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Chiediamo tale applicazione affinché questi lavoratori abbiano riconosciute le stesse tutele degli altri lavoratori dipendenti. È evidente che un settore come quello della pesca presenti più di un elemento di criticità per quanto riguarda i temi della sicurezza: le condizioni di lavoro, infatti, sono rischiose, dal punto di vista ambientale, climatico e logistico ed alto è il numero degli infortuni. La piena applicazione del Testo Unico rappresenterebbe anche un baluardo sul fronte della prevenzione per le tante malattie professionali. La Flai Cgil chiede con forza e con 15mila firme – per ora dimenticate – che i lavoratori della pesca non siano degli invisibili e abbiano pari dignità e considerazione degli altri. È ora che il Governo faccia la sua parte, intervenendo senza ulteriori attese. È necessario intervenire per prevenire altre tragedie e altre morti annunciate”.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...