HomeComunicatiPac, No al taglio del budget agricolo e rinazionalizzazione. Introdurre lavoro tra...

Pac, No al taglio del budget agricolo e rinazionalizzazione. Introdurre lavoro tra criteri di condizionalità per concessione aiuti

“L’Italia deve, così come hanno fatto i governi di Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Irlanda e Finlandia, respingere la proposta della Commissione europea che prevede pesanti tagli ai fondi comunitari per la politica agricola comune nel bilancio Ue per il periodo 2021-2027. Una riduzione del 7% rispetto alle erogazioni 2014-2020, che rischia di far perdere agli agricoltori circa 2,7 miliardi di euro, provocherebbe infatti pesanti ricadute sul versante occupazionale. Il budget agricolo deve, quindi, rimanere intatto e va respinta con decisione l’introduzione di eventuali cofinanziamenti nazionali, che corrisponderebbe alla parziale rinazionalizzazione della Pac”.

 

E’ quanto affermano i sindacati Fai, Flai e Uila in merito alla presentazione delle proposte di regolamento sul funzionamento della Politica Agricola Comune 2021-2027 che, insieme alla Comunicazione sul nuovo Quadro finanziario pluriennale del Maggio scorso, delineano le linee prioritarie della nuova riforma della PAC.

 

“Non concordiamo con l’Esecutivo europeo che propone un cambiamento totale nella gestione della politica agricola, che passerebbe da una regia europea ad una regia nazionale. La maggiore flessibilità e sussidiarietà avrebbe come conseguenza una diseguaglianza tra gli agricoltori europei, con rischi reali di distorsioni di concorrenza e rinazionalizzazione per il settore agricolo” affermano i sindacati. “Esprimiamo perplessità anche riguardo al contributo che questa nuova PAC può fornire in termini sociali e occupazionali e, in particolare, siamo critici rispetto all’abolizione del beneficio esclusivo per il lavoro dipendente e alla previsione che rende facoltativi per gli Stati membri i pagamenti, in precedenza obbligatori, verso i giovani agricoltori”.

 

“A nostro parere” continuano Fai, Flai e Uila “è necessario introdurre nella Pac il lavoro e la sua tutela tra i criteri di condizionalità per la concessione di contributi comunitari alle aziende. In concreto ciò significa due cose: associare gli aiuti al mantenimento della occupazione e alla creazione di posti di lavoro duraturi; escludere dai pagamenti dei premi PAC le aziende che violino le leggi o non rispettino i contratti di lavoro”.

“Nella proposta della Commissione, infine, andrebbe data maggiore attenzione alla questione della sicurezza alimentare del cibo nonché alla protezione per la salute, l’ambiente e il clima, visto che le misure proposte in sostituzione del greening obbligatorio, riducono il contributo che la nuova PAC potrà fornire agli obiettivi dell’Accordo di Parigi del maggio 2015 sui cambiamenti climatici”.

 

ROMA, 7 GIUGNO 2018

 

 

 

 

 

Articoli correlati

Flai Cgil all’assemblea nazionale dei Campi della legalità di Libera

All’Assemblea nazionale dei campi di impegno e formazione sui beni confiscati alla criminalità organizzata ‘E!State Liberi!’, all’Auditorium San Domenico di Roma, Jean-René Bilongo, capo dipartimento legalità Flai Nazionale e presidente dell’Osservatorio Placido Rizzotto, interviene...

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...