HomeComunicatiOrtofrutticola Mugello, presidio permanente a Marradi, Fiatti: “Una delocalizzazione che ferisce al cuore...

Ortofrutticola Mugello, presidio permanente a Marradi, Fiatti: “Una delocalizzazione che ferisce al cuore un intero territorio” 

La più importante e storica fabbrica del paese di Marradi, nell’alto Mugello, nata nel 1984 e dal 2020 di proprietà di Italcanditi, rischia di abbandonare il territorio, dopo l’improvviso annuncio della proprietà di voler spostare a Pedrengo, nel bergamasco, la produzione del prezioso e rinomato Marrone del Mugello Igp. “Una delocalizzazione interna, da Marradi a Bergamo, che non tiene conto della peculiarità di un territorio montano”, denuncia Davide Fiatti, della Flai Cgil nazionale. “L’azienda continua a parlare del trasferimento di nove persone di cui due dirigenti – precisa il dirigente sindacale – ma in realtà le persone sono circa ottanta, per lo più donne, che hanno contratti stagionali per la raccolta dei marroni. Tempi indeterminati e stagionali per noi hanno lo stesso valore, anche se la norma sui trasferimenti e le cessazioni aziendali non lo dice”. Lo stabilimento produce prevalentemente marrons glacès, esporta in trenta paesi cibi di elevata qualità, è specializzato anche nella lavorazione e trasformazione industriale delle castagne e dei marroni per l’industria e la grande distribuzione organizzata. “La risposta del paese di Marradi è anche quella del sindacato, che ha subito convocato un’assemblea per poi avviare un presidio permanente: non possiamo accettare passivamente che un’azienda legata a un profondo rapporto con l’Alto Mugello, da cui trae linfa vitale e prodotti di qualità, decida arbitrariamente di spostare le lavorazioni”. Italcanditi è per il 70% di proprietà del fondo Investindustrial. Fiatti denuncia un’operazione tesa a ‘finanziarizzare’ la produzione, senza tener conto dei diritti e delle tutele delle lavoratrici e dei lavoratori: “Non è un segreto per nessuno che l’acquisizione di Italcanditi da parte di Investindustrial, che ha messo le mani anche su altre piccole realtà, abbia come unico scopo quello di arrivare alla quotazione in borsa del gruppo”. Domani, primo giorno del 2022, nel teatro comunale di Marradi si riuniranno i dipendenti dell’Ortofrutticola del Mugello, comprese le lavoratrici stagionali, che sono davanti ai cancelli del ‘loro’ stabilimento dalle 8 di questa mattina.   

Articoli correlati

Artigianato area alimentazione e panificazione, Flai Cgil riunisce i responsabili regionali: “Rinnovato il CCNL di settore, rilanciamo la contrattazione territoriale.”

Il recente rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro artigianato area alimentazione e panificazione, scaduto da quasi tre anni, ha coperto un vuoto inaccettabile, che saltava agli occhi. Interessa una platea di tutto rispetto,...

Caporalato a Vicenza, Mininni: “Molti non trovano il coraggio. Dobbiamo sostenere chi si ribella e denuncia”

“Questi lavoratori hanno trovato il coraggio di denunciare. Chissà quanti altri sono nelle stesse condizioni ma hanno paura di raccontare le loro storie”, sottolinea Giovanni Mininni, segretario generale della Flai Cgil. Le indagini delle...

Caporalato a Niscemi, Bilongo: “Pessimo inizio anno, intollerabile ricatto su chi non ha nulla. Le leggi ci sono, devono essere applicate”

“Quando i lavoratori sono privi di tutti i diritti contrattuali e operano sotto ricatto, non è più lavoro. E’ un’altra cosa, che si accosta alla condizione di servitù. Se la cronaca del lavoro del...

Tragedia sfiorata a San Ferdinando, Mininni: “Basta proclami, lo Stato si assuma le sue responsabilità” 

Ennesimo incendio nella baraccopoli di San Ferdinando nella notte di Capodanno. Solo per un caso fortuito non ci sono state vittime né feriti.  “Un pessimo inizio d’anno per i giovani migranti che affollano il...

Ortofrutticola Mugello, presidio permanente a Marradi, Fiatti: “Una delocalizzazione che ferisce al cuore un intero territorio” 

La più importante e storica fabbrica del paese di Marradi, nell’alto Mugello, nata nel 1984 e dal 2020 di proprietà di Italcanditi, rischia di abbandonare il territorio, dopo l’improvviso annuncio della proprietà di voler...