HomeComunicatiOrtofrutticola Mugello, presidio permanente a Marradi, Fiatti: “Una delocalizzazione che ferisce al cuore...

Ortofrutticola Mugello, presidio permanente a Marradi, Fiatti: “Una delocalizzazione che ferisce al cuore un intero territorio” 

La più importante e storica fabbrica del paese di Marradi, nell’alto Mugello, nata nel 1984 e dal 2020 di proprietà di Italcanditi, rischia di abbandonare il territorio, dopo l’improvviso annuncio della proprietà di voler spostare a Pedrengo, nel bergamasco, la produzione del prezioso e rinomato Marrone del Mugello Igp. “Una delocalizzazione interna, da Marradi a Bergamo, che non tiene conto della peculiarità di un territorio montano”, denuncia Davide Fiatti, della Flai Cgil nazionale. “L’azienda continua a parlare del trasferimento di nove persone di cui due dirigenti – precisa il dirigente sindacale – ma in realtà le persone sono circa ottanta, per lo più donne, che hanno contratti stagionali per la raccolta dei marroni. Tempi indeterminati e stagionali per noi hanno lo stesso valore, anche se la norma sui trasferimenti e le cessazioni aziendali non lo dice”. Lo stabilimento produce prevalentemente marrons glacès, esporta in trenta paesi cibi di elevata qualità, è specializzato anche nella lavorazione e trasformazione industriale delle castagne e dei marroni per l’industria e la grande distribuzione organizzata. “La risposta del paese di Marradi è anche quella del sindacato, che ha subito convocato un’assemblea per poi avviare un presidio permanente: non possiamo accettare passivamente che un’azienda legata a un profondo rapporto con l’Alto Mugello, da cui trae linfa vitale e prodotti di qualità, decida arbitrariamente di spostare le lavorazioni”. Italcanditi è per il 70% di proprietà del fondo Investindustrial. Fiatti denuncia un’operazione tesa a ‘finanziarizzare’ la produzione, senza tener conto dei diritti e delle tutele delle lavoratrici e dei lavoratori: “Non è un segreto per nessuno che l’acquisizione di Italcanditi da parte di Investindustrial, che ha messo le mani anche su altre piccole realtà, abbia come unico scopo quello di arrivare alla quotazione in borsa del gruppo”. Domani, primo giorno del 2022, nel teatro comunale di Marradi si riuniranno i dipendenti dell’Ortofrutticola del Mugello, comprese le lavoratrici stagionali, che sono davanti ai cancelli del ‘loro’ stabilimento dalle 8 di questa mattina.   

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...