Nestle’. Macchiesi, cura dimagrante nel mondo mette a rischio 800 posti in Italia

“La cura dimagrante messa in campo da Nestlè nel mondo, da quando l’azionista principale ha preso la guida e “il fondo attivista” Third Point, esempio di finanza fortemente speculativa, è diventato di fatto azionista principale, sta penalizzando fortemente le attività produttive in Italia”. Lo dichiara Mauro Macchiesi, Segretario nazionale Flai Cgil, commentando notizie uscite su alcuni quotidiani odierni.

“La scelta di puntare sui brand ad alta redditività – come il caffè e nutrizione del benessere – mette a rischio la chiusura degli impianti di gelato, di cioccolato come la Perugina, di pasta fresca e i servizi di sede. La conseguenza di tale scenario è che sono a rischio circa 800 posti di lavoro. L’Italia diventerà un mercato redditizio per Nestlè come Paese di consumo e non di produzione”.

“L’impatto sarà molto negativo per l’occupazione e per le altre attività imprenditoriali del settore food con una penalizzazione qualitativa del sistema industriale agroalimentare del Paese”.

Articoli correlati

Flai Cgil: “Con le armi non si va da nessuna parte”

“Siamo sicuri che la Nato possa parlare di pace?”, si chiede Andrea Coinu, responsabile politiche internazionali della Flai Cgil all’indomani delle dichiarazioni del segretario...

Legno: Fillea-Flai-Nuove Ri-Generazioni, per una politica che investa nella produzione, nel riuso e nella resilienza dei materiali

Fiatti, Flai Cgil: “Più del 90% dei forestali sono dipendenti pubblici. E questo è molto importante, perché se la loro attività non produce un...

Fiatti, Flai Cgil: “Contrattazione e bilateralità pilastri dei rapporti fra le parti sociali”

“Necessaria una legge sulla rappresentanza”, spiega il segretario della Flai nel suo intervento alla presentazione del progetto ‘Social dialogue for skills - dialogo sociale...