HomeComunicatiForestazione. Da domani mobilitazione per CCNL. Sindacati: "Incapacità decisionale grava sui lavoratori...

Forestazione. Da domani mobilitazione per CCNL. Sindacati: “Incapacità decisionale grava sui lavoratori da dieci anni”

Partirà domani 14 settembre lo stato di agitazione del comparto forestale. A darne notizia sono i sindacati di categoria, che definiscono “stucchevoli e inaccettabili i dubbi avanzati di nuovo dalla Conferenza delle Regioni e dal Mipaaf sulla natura privatistica o pubblica del contratto nazionale per gli addetti ai lavori di sistemazione idraulico-forestale e idraulico-agraria. Un tema che sembrava essere oramai ampiamente superato nel corso della lunga trattativa e dopo il parere positivo espresso dalle Regioni sull’esito del negoziato anche attraverso la sottoscrizione dell’ipotesi di accordo in data 4 agosto unitamente alla parte datoriale privata e all’UNCEM”.“Nonostante la serrata trattativa per il rinnovo del contratto nazionale sembrasse giunta a un passo dalla positiva risoluzione, con la presenza fattiva e operativa dell’UNCEM, della parte datoriale privata, e dell’Assessore Antonino Scilla in rappresentanza della Conferenza delle Regioni – spiegano Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil – ci troviamo davanti a un’ulteriore richiesta di approfondimento che denota in realtà una pesante incapacità decisionale che sta gravando da oramai dieci anni sui lavoratori e sull’intero comparto. Un settore – ricordano i sindacati – da ritenere strategico per la transizione ecologica e la messa in sicurezza del territorio, ma di cui ci si ricorda evidentemente soltanto davanti agli eventi calamitosi e alle grandi tragedie ambientali, come è stato per gli incendi che hanno devastato l’Italia durante i mesi scorsi. Una mancanza di attenzione non più sopportabile”.Già domani mattina, dunque, i sindacati svolgeranno un primo presidio a Roma davanti la sede della Conferenza delle Regioni, in Via Parigi 11, e giovedì 16 settembre di fronte la sede del Mipaaf, in Via XX settembre, che proseguirà con il coinvolgimento quotidiano delle diverse strutture regionali e territoriali. “In mancanza di immediati risultati – concludono Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil – lo stato di agitazione continuerà a oltranza e sarà esercitato anche con altre misure che valuteremo unitariamente assieme alle lavoratrici e ai lavoratori”.

Articoli correlati

Pernigotti. Incontro congiunto al Ministero del lavoro

  Si è svolto questa mattina, in video conferenza, l’esame congiunto, presso il ministero del Lavoro, sulla vertenza Pernigotti al quale hanno partecipato, alla presenza anche del Mise, i rappresentanti nazionali e territoriali di Fai,...

Pesca. Ennesimo incidente mortale conferma la pericolosità del settore. Urgente applicare al comparto norme di sicurezza previste da Testo Unico 81

"La pesca rimane una delle professioni più pericolose al mondo e l'incidente di lunedì scorso, dove un pescatore ha perso la vita nel rovesciamento della vongolara su cui era imbarcato, conferma questo triste primato...

Vertenza BuCastelli – Alival. Fai, Flai, Uila: sciopero riuscito, dai lavoratori un segnale forte

“Sciopero riuscito oggi nei vari siti del gruppo BuCastelli – Alival a fronte della annunciata chiusura degli stabilimenti di Ponte Buggianese, Reggio Calabria e degli esuberi a Santa Rita. Forte il segnale arrivato dai...

Nel Gran Ghetto di Foggia tragedia annunciata, necessario agire su alloggi e trasporti

“Ancora, l’ennesima una tragedia annunciata, ancora una morte che poteva essere evitata se fossero messe in atto misure di accoglienza adeguate e se i lavoratori stranieri fossero in condizione di ricevere paghe adeguate”. Così...

Accordo integrativo Bat. Fai, Flai e Uila: “Misure innovative per sostenere le famiglie e contrastare l’inflazione”

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil commentano con soddisfazione il nuovo accordo integrativo, per il quadriennio 2022-2025, sottoscritto con Bat, British American Tobacco Italia “che prevede misure di contrasto all’inflazione, in sostegno alle famiglie che...