HomeComunicatiForestazione. Da domani mobilitazione per CCNL. Sindacati: "Incapacità decisionale grava sui lavoratori...

Forestazione. Da domani mobilitazione per CCNL. Sindacati: “Incapacità decisionale grava sui lavoratori da dieci anni”

Partirà domani 14 settembre lo stato di agitazione del comparto forestale. A darne notizia sono i sindacati di categoria, che definiscono “stucchevoli e inaccettabili i dubbi avanzati di nuovo dalla Conferenza delle Regioni e dal Mipaaf sulla natura privatistica o pubblica del contratto nazionale per gli addetti ai lavori di sistemazione idraulico-forestale e idraulico-agraria. Un tema che sembrava essere oramai ampiamente superato nel corso della lunga trattativa e dopo il parere positivo espresso dalle Regioni sull’esito del negoziato anche attraverso la sottoscrizione dell’ipotesi di accordo in data 4 agosto unitamente alla parte datoriale privata e all’UNCEM”.“Nonostante la serrata trattativa per il rinnovo del contratto nazionale sembrasse giunta a un passo dalla positiva risoluzione, con la presenza fattiva e operativa dell’UNCEM, della parte datoriale privata, e dell’Assessore Antonino Scilla in rappresentanza della Conferenza delle Regioni – spiegano Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil – ci troviamo davanti a un’ulteriore richiesta di approfondimento che denota in realtà una pesante incapacità decisionale che sta gravando da oramai dieci anni sui lavoratori e sull’intero comparto. Un settore – ricordano i sindacati – da ritenere strategico per la transizione ecologica e la messa in sicurezza del territorio, ma di cui ci si ricorda evidentemente soltanto davanti agli eventi calamitosi e alle grandi tragedie ambientali, come è stato per gli incendi che hanno devastato l’Italia durante i mesi scorsi. Una mancanza di attenzione non più sopportabile”.Già domani mattina, dunque, i sindacati svolgeranno un primo presidio a Roma davanti la sede della Conferenza delle Regioni, in Via Parigi 11, e giovedì 16 settembre di fronte la sede del Mipaaf, in Via XX settembre, che proseguirà con il coinvolgimento quotidiano delle diverse strutture regionali e territoriali. “In mancanza di immediati risultati – concludono Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil – lo stato di agitazione continuerà a oltranza e sarà esercitato anche con altre misure che valuteremo unitariamente assieme alle lavoratrici e ai lavoratori”.

Articoli correlati

Donne: Filcams Flai Flc Fp, una panchina rossa contro la violenza, un’assunzione di responsabilità

Nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Filcams, Flai, Flc e Fp Cgil insieme al Municipio XII di Roma hanno pitturato di rosso una panchina della città, in Largo Bernardino da...

Flai Cgil, altre sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano per donare a chi ha bisogno

Un aiuto vero perché ‘solidarietà’ non sia solo una parola. La Flai Cgil ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica altri nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate di pomodoro), per un totale di...

Alla Sapienza di Roma sindacalisti della Flai e studenti dell’Udu per dare una lezione a mafia e caporalato

Al suono della campanella, studenti e studentesse lasciano le aule della Sapienza di Roma e trovano dei volantini particolari. Sono quelli che loro coetanei dell’Unione degli universitari (Udu) e sindacalisti della Flai Cgil distribuiscono...

Flai Cgil al forum agroecologia di Legambiente per una transizione ambientale, energetica nel rispetto dei diritti sociali e del lavoro

Agroenergie, filiere made in Italy sostenibili e biologico al centro per una transizione ambientale, energetica e sociale del modello agricolo. Spinta su agrivoltaico e rinnovabili, riduzione del 62% dell’uso della chimica di sintesi, Piano...

Agricoltura. Sindacato europeo approva sanzioni per violazioni condizionalità sociale Pac

Il comitato esecutivo dell’Effat, il sindacato europeo del settore agricolo, riunito oggi a Bruxelles, ha ratificato la decisione assunta la scorsa settimana a Berlino da 26 sindacati di 19 paesi europei, approvando in via...