Ancora infortunio mortale in azienda agricola, stop a questa mattanza

Un infortunio mortale nelle campagne di Revello (Cuneo), dove un lavoratore agricolo originario del Mali ha perso la vita, rimanendo intrappolato in un macchinario.

“Ancora un morto sul lavoro, ancora una conta interminabile e inaccettabile, che si consuma nell’indifferenza di molti e nell’immobilismo di chi dovrebbe assumere misure adeguate. Dalla formazione, ai controlli, fino alle sanzioni è necessario intervenire a tutti i livelli affinché si fermi questa mattanza. Non è accettabile morire per lavorare”. Lo dichiarano Tina Balì e Davide Fiatti della segreteria nazionale della Flai Cgil. “E’ evidente che quello fatto finora non basta a sconfiggere il dramma degli infortuni sul lavoro, ma soprattutto fa rabbia perché si tratta di un dramma annunciato ed evitabile. Servono controlli adeguati, formazione e prevenzione, applicazione dei contratti. Il tema della mancanza di sicurezza nei luoghi di lavoro non conosce confini geografici e colpisce indifferentemente da Nord a Sud, a farne le spese sono sempre lavoratrici e lavoratori”.

Articoli correlati

La questione migratoria, il Pci e le sinistre nell’Italia del Novecento

Bilongo: “L’assenza odierna di una spinta progressista è sostituita da ideologie reazionarie che producono ostracismo e respingimenti” Nella storia delle Storie del mondo i migranti...

Fai, Flai e Uila Pesca incontrano il ministro Lollobrigida

Fai, Flai e Uila Pesca, insieme alle associazioni di categoria, hanno incontrato oggi presso il Masaf, il ministro Francesco Lollobrigida. Al centro dell’incontro le...

Ccnl industria alimentare, nuovo confronto a fine febbraio

Si è svolta a Roma la riunione plenaria, durata tre giorni, per il rinnovo del Ccnl dell’industria alimentare, scaduto a novembre 2023, che riguarda oltre 400mila...