Raccolta d’arte

online sul sito www.flai.it

Il materiale iconografico che la Flai ha ereditato da Federbraccianti e Filziat racconta il legame tra l’arte e il mondo del lavoro agricolo e alimentare, documentando anche il ruolo che hanno avuto alcuni artisti nel valorizzare, riconoscere e far conoscere le lotte e le esperienze del movimento sindacale, in particolar modo a partire dal secondo dopoguerra. 

Un legame profondo con i rappresentanti del mondo artistico e delle arti visive, reso ancor più forte dai valori e dagli ideali comuni che si erano creati, che ha permesso alla Flai di poter avere tele ed opere di artisti del calibro di Giò Pomodoro, Luigi Guerrichio, Luigi Treccani, Tono Zancanaro, Alberto Sughi, fino a Nunzio Bibbò.

Sono artisti che hanno segnato alcune pagine importanti della storia del movimento bracciantile e operaio, offrendo anche un enorme contributo nel processo di alfabetizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori. 

Articoli correlati

Scenari del lavoro in agricoltura: il ruolo della contrattazione

“I principali risultati delll’analisi delle dinamiche retributive degli operai agricoli che la Fondazione Metes cura dal 2017” Nella Scuola politico-sindacale della Fondazione Metes si parla...

Due nuove auto targate Flai per i servizi sociali della Bassa Romagna 

Nonostante l’inverno l’emozione scalda i cuori. Le due Panda donate dalla Flai Cgil ai servizi sociali della Bassa Romagna  sono di un bianco immacolato,...

Mariniello: «E’ un crimine di guerra colpire i civili»

Sotto le macerie della guerra finisce anche il diritto internazionale. Il Sudafrica ha chiesto l’intervento della Corte internazionale di giustizia dell’Aja per presunte violazioni...