Voucher in agricoltura. Mininni, scelta sbagliata si attaccano i diritti dei lavoratori più fragili e non si ritiene utile ascoltare il sindacato

“Il Governo ha annunciato che con la prossima manovra di bilancio intende “introdurre” l’utilizzo dei voucher in agricoltura. Ci teniamo innanzitutto a precisare che i cosiddetti voucher sono già previsti per i lavoratori agricoli e sono anche ben normati da anni, con opportunità e giusti vincoli per garantire sia le imprese che i lavoratori. Innalzare soglie o eliminare tutele non significherebbe “semplificare” le procedure burocratiche ma, come abbiamo già visto in passato, dare maggiori spazi ai caporali o a chi vuole sfruttare chi lavora. Occorre intervenire sulla burocrazia ma questo è il modo peggiore per farlo”. Lo dichiara Giovanni Mininni, Segretario generale Flai Cgil nazionale.

“Inoltre – continua Mininni – come ben sa chi conosce il mondo del lavoro agricolo, non sono necessarie “forme semplificate” di utilizzo delle prestazioni perché già parlare di lavoro occasionale in agricoltura è una forzatura, dal momento che la flessibilità in questo settore è già prevista da un sistema di leggi e contratti collettivi che consentono assunzioni anche di brevissima durata (perfino di 1 giorno solo!). Allargando la platea di lavoratori che possono usarli e il limite economico di utilizzo, si destruttura il lavoro in agricoltura, precarizzandolo ulteriormente senza alcun motivo e riducendo i diritti contrattuali e previdenziali dei lavoratori e delle lavoratici più fragili in un settore dove già è forte la presenza di lavoro irregolare e illegalità”. 

“Questa, come altre scelte annunciate in questa manovra, sono purtroppo sbagliate e dobbiamo prendere atto che vengono fatte senza nessun confronto preventivo col sindacato”.

Articoli correlati

Flai e Cuba, una Piramide giocosa per i più piccoli

Solidarietà concreta per una popolazione vessata, che non si vuole arrendere al pensiero unico Amicizia e solidarietà concreta con Cuba per sgretolare il muro dell’antistorico...

Anche la Flai in piazza contro l’insicurezza sul lavoro 

Mezzo paese si è fermato, almeno per quattro ore, nel giorno dello sciopero contro l’insicurezza sul lavoro deciso da Cgil e Uil dopo le...

La Flai al ghetto di Borgo Mezzanone. Mininni: “Il governo agisca in fretta”

Ammontano ad oltre 103 milioni di euro le risorse del Pnrr destinate alla Capitanata per superare gli insediamenti informali. «Ma la messa a terra...