Terremoto in Marocco, la Flai vicina ai familiari delle vittime e ai tanti lavoratori del paese nord africano impegnati nel comparto agricolo

Una scossa fortissima, di magnitudo 7, ha devastato il Marocco provocando più di 800 morti. La Flai Cgil si stringe attorno alla popolazione, colpita dal terremoto più devastante mai registrato nel Paese. Siamo vicini alla comunità delle lavoratrici e dei lavoratori marocchini in Italia. Nel comparto agricolo sono la prima comunità straniera, con 34mila lavoratori a tempo determinato, di cui cinquemila donne, che svolgono un complesso di 3,4 milioni di giornate lavorative. La Flai Cgil piange le vittime del terremoto e abbraccia i lavoratori presenti nel nostro paese che sono in ansia per i loro familiari, vivendo anch’essi un autentico dramma. Saremo loro vicino anche con aiuti concreti, nel segno di una solidarietà che è patrimonio comune dell’intero sindacato, perché l’unione è la nostra forza e non lasceremo solo nessuno.

Articoli correlati

Sciopero nazionale, mai più morti sul lavoro

Dopo la strage operaia di Firenze Flai in piazza con l’Italia che dice no al lavoro che uccide Basta parlare di cordoglio, è il momento...

Confronto governo-sindacati, tavoli tecnici sui problemi del settore

“Consideriamo l’incontro con i ministri Calderoni e Lollobrigida un importante momento di confronto che dovrà proseguire con degli approfondimenti necessari da svolgere in tavoli...

Premio Jerry Masslo 2024, il bando e le modalità di partecipazione

La Flai Cgil annuncia la VI edizione del "Premio Jerry Masslo", che si svolgerà il 29, 30, 31 maggio prossimi. L’edizione 2024 del Premio...