“Scioperiamo perché le lavoratrici e i lavoratori del settore primario sono stati sbeffeggiati dal governo”

“I salari in agricoltura sono fra i più bassi in Italia. E l’Italia è all’ultimo posto in Europa”, un record nel record cui il segretario generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni, farebbe volentieri a meno. Intervenendo all’iniziativa della Fisac Cgil ‘Salari amari: disuguaglianze, retribuzioni, contrattazione’, Mininni osserva come “le lavoratrici e i lavoratori dell’agricoltura siano impiegati in un settore faticoso e complesso. E anche durante la pandemia hanno garantito il cibo che arrivava sulle nostre tavole. I pochi soldi promessi dal governo non possono certo rispondere alle loro esigenze, si tradurrebbero in un aumento salariale di meno di cento euro l’anno. Sono stati sbeffeggiati, ecco perché giovedì sciopereremo e saremo tutte e tutti in piazza perché chi lavora merita rispetto e dignità”.

Articoli correlati

“Le destre avanzano riducendo gli spazi democratici”

L’intervento sui fascismi al comitato esecutivo dello Iuf, a Losanna, del responsabile politiche internazionali della Flai Cgil, Andrea Coinu Non riteniamo ci sia un rischio...

Sindacato di strada anche per i quattro referendum

Assemblee in ogni posto di lavoro lungo la penisola, perché il lavoro è un bene comune Ciao ciao jobs act, precarietà, licenziamenti facili, appalti che...

Operaio muore nello zuccherificio di Brindisi. Flai Cgil: Una strage con responsabilità politiche precise

Vincenzo Valente, 46 anni, stava lavorando per una ditta esterna alla manutenzione del nastro dell'impianto dello zuccherificio di Brindisi, quando ha subito l'amputazione del...