“Scioperiamo perché le lavoratrici e i lavoratori del settore primario sono stati sbeffeggiati dal governo”

“I salari in agricoltura sono fra i più bassi in Italia. E l’Italia è all’ultimo posto in Europa”, un record nel record cui il segretario generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni, farebbe volentieri a meno. Intervenendo all’iniziativa della Fisac Cgil ‘Salari amari: disuguaglianze, retribuzioni, contrattazione’, Mininni osserva come “le lavoratrici e i lavoratori dell’agricoltura siano impiegati in un settore faticoso e complesso. E anche durante la pandemia hanno garantito il cibo che arrivava sulle nostre tavole. I pochi soldi promessi dal governo non possono certo rispondere alle loro esigenze, si tradurrebbero in un aumento salariale di meno di cento euro l’anno. Sono stati sbeffeggiati, ecco perché giovedì sciopereremo e saremo tutte e tutti in piazza perché chi lavora merita rispetto e dignità”.

Articoli correlati

InFLAI – numero 1 del 2023

Il primo numero dell'anno di InFlai esce a ridosso dell’ottavo congresso nazionale della FLAI CGIL in programma a Roma dal 7 al 9 febbraio....

Voucher, Mininni, Flai Cgil: “Non serve nuovo ‘lavoro occasionale agricolo’, si crea solo altra precarietà e il timore è che aumenti lo sfruttamento”  

“L’emendamento sui voucher è sicuramente anche frutto degli scioperi e delle mobilitazioni della scorsa settimana, che avevano portato in piazza insieme agli altri i...

Dal 12 al 16 dicembre scioperi indetti a livello regionale con iniziative in tutti i territori

Sciopero perché è una legge di bilancio contro il lavoro, sbagliata e da cambiare. Ci mobilitiamo per una legge più giusta per le persone,...