Regolarizzazione. Uno strumento per contrastare il caporalato

Gravi gli episodi tra Cosenza e Matera e il suicidio di un lavoratore indiano in provincia di Latina

“Due gravissimi episodi legati ai fenomeni del caporalato e dello sfruttamento sono emersi nelle ultime 24 ore: tra Cosenza e Matera l’esecuzione di 60 misure cautelari per ipotesi di reato di associazione per delinquere finalizzata all’intermediazione illecita e sfruttamento e favoreggiamento dell’immigrazione; e in provincia di Latina, a Sabaudia, il suicidio di un giovane lavoratore indiano che non ha resistito ai continui soprusi e alla paga da fame che riceveva. Questi fatti ci riportano all’urgenza di contrastare il fenomeno dello sfruttamento e del caporalato, applicando in tutte le sue parti la Legge 199/16, e mostrano anche come sia necessario un provvedimento come quello della regolarizzazione dei lavoratori stranieri in agricoltura”. Lo dichiara in una nota la Flai Cgil nazionale.

“Regolarizzare – conclude la nota – significa essere meno ricattabili, significa un lavoro dignitoso ed equamente retribuito, significa spezzare le catene dello sfruttamento in un percorso che per tutti i soggetti coinvolti porta dignità e legalità”.

Articoli correlati

In piazza per il cessate il fuoco

Giornata di mobilitazione nazionale per chiedere il cessate il fuoco, in tutte le guerre che appestano il pianeta, a cominciare da quella in Ucraina...

Sciopero nazionale, mai più morti sul lavoro

Dopo la strage operaia di Firenze Flai in piazza con l’Italia che dice no al lavoro che uccide Basta parlare di cordoglio, è il momento...

Confronto governo-sindacati, tavoli tecnici sui problemi del settore

“Consideriamo l’incontro con i ministri Calderoni e Lollobrigida un importante momento di confronto che dovrà proseguire con degli approfondimenti necessari da svolgere in tavoli...