Avola 1968, la polizia spara sui braccianti. “La lotta è dura e lunga ancora”

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i braccianti del paese e di riaffermare l’autoritarismo padronale. Due morti, 48 feriti. Dopo l’eccidio, lo sciopero continua compatto divenendo una poderosa lotta di protesta e di solidarietà di tutta la classe lavoratrice. “Noi veniamo da lontano e andremo lontano e prima di arrivare nessuno ci fermerà. Se i lavoratori sono andati avanti questo è dovuto alle lotte che abbiam fatto, con morti e feriti. Durante questo cammino arrivammo alle ore 14.20 del 2 dicembre 1968: e si sparò contro i lavoratori. Coraggio compagni, la lotta è dura e lunga ancora”. 

Per la strage di Avola non c’è mai stato un processo, non sono mai stati individuati i colpevoli.

Valeria Cappucci

Articoli correlati

Giuseppe Di Vittorio, padre del sindacato

Il 3 novembre 1957 muore a Lecco il segretario generale della Cgil Giuseppe Di Vittorio, una vita rivoluzionaria al fianco delle lavoratrici e dei...

Dal 29 settembre al 1 ottobre 1906, a Milano, alla presenza di cinquecento delegati, in rappresentanza di settecento leghe per un totale di 250...

Su Lavoro, in occasione del 50° anniversario, Giuseppe Di Vittorio, celebra così «mezzo secolo di avanzate operaie»:  Attraverso le conquiste sindacali, realizzate nelle alterne vicende...

Federbraccianti con la resistenza cilena

50 anni fa il golpe per rovesciare e distruggere il governo e il progetto politico di Salvador Allende Cinquant’anni fa, l’11 settembre del 1973, le...