Piazze grandi  

Anche nelle regioni settentrionali, quelle che nell’iconografia industriale sono chiamate la locomotiva d’Italia, lo sciopero generale di Cgil e Uil ha visto vuotarsi gli stabilimenti e riempirsi le piazze. Una mobilitazione che nelle fabbriche era nata, con le centinaia di assemblee di inizio autunno, e che si è manifestata con quaranta piazze invase da lavoratrici e lavoratori, studenti e pensionati, nel segno di quella solidarietà intergenerazionale messa a rischio dalle decisioni di un esecutivo capace addirittura di peggiorare la legge Fornero, e di mettere in cantiere una riforma fiscale che avvantaggia chi ha di più e penalizza chi ha di meno. Manifestazioni non solo di protesta ma anche di proposta, perché il lavoro sia di qualità, giustamente pagato e nel rispetto dei diritti, per produzioni che tornino a fare onore alla tradizione del made in Italy. Il Settentrione, dal Friuli Venezia Giulia al Piemonte, dalla Lombardia all’Emilia Romagna, dal Veneto alla Liguria, senza dimenticare il Trentino Alto Adige e la Valle D’Aosta, ha incrociato le braccia con un’adesione media del 75%. Lavoratrici e lavoratori dell’agroindustria hanno scioperato compatti, con punte del 100% alla Parmalat di Parma, alla Conserve Italia di Ravenna, alla Monviso Group di Torino, del 90% alla Boston Food di Como, alla Birra Peroni di Padova e alla Mutti di Parma, dell’89% alla Bauli di Verona. A Cuneo vie e piazze così affollate non si erano mai viste, parola di quelli che in città ci vivono. Tanta, tantissima partecipazione in una giornata arricchita anche da tanti arcobaleni della pace, a ricordare la pestilenza delle guerre che insanguinano il pianeta, a partire dalla Palestina e dall’Ucraina, e tanto rumore per denunciare che ogni tre giorni in Italia una donna viene uccisa per mano di un uomo.    

Articoli correlati

Contro la secessione dei ricchi, per la Costituzione

Una controriforma che spacca il Paese, aumentando disuguaglianze e divari territoriali. Senza minimamente affrontare la crisi sociale che stiamo attraversando. È l'Autonomia differenziata su...

Mininni: “Con le destre non tira un buon vento per l’Europa. E la pace è un valore sempre più lontano”

L'intervista al segretario generale della Flai su 'Il diario del lavoro' È da Caserta, dove si è da poco conclusa la VI edizione del premio...

Sfruttamento lavorativo, l’inchiesta di Flai e L’Altro diritto: aumentano i casi e diminuisce il gap Nord-Sud

Presentato oggi a Ragusa il V Rapporto del Laboratorio che monitora l’applicazione della legge 199/2016 “anticaporalato” Aumentano esponenzialmente le inchieste per sfruttamento lavorativo aperte dalle...