PARTIAMO DA NOI – 20 ottobre Assemblea Nazionale Donne Flai Cgil

Il 20 ottobre dalle ore 9.30, al teatro Ambra Jovinelli, si terrà l’Assemblea delle donne della Flai Cgil, che quest’anno avrà al centro della discussione i risultati di una ricerca/questionario sottoposta a tutte le strutture del sindacato, per indagare, sia nell’area tecnica che in quella politica, le convinzioni più profonde e radicate rispetto alle differenze di genere nella vita privata e nell’attività professionale.

L’obiettivo è quello di tracciare una ‘mappa’ di interventi, indispensabili per agevolare un dialogo schietto e senza incomprensioni di sorta fra uomini e donne. “Partiamo da noi – spiega la Flai Cgil – per promuovere e strutturare la cultura del rispetto delle differenze”.

Relatori: Giovanni Mininni – Segretario Generale FLAI CGIL; Mariam Barak – Giornalista; Oria Gargano – Presidente BeFree; Stefano Ciccone – Associazione Maschile Plurale; Lorenzo Gasparrini – Filosofo femminista; Annarosa Buttarelli – Filosofa, Direttrice scientifica Fondazione Scuola Donne di Governo; conclude Maurizio Landini – Segretario Generale CGIL.

Modera Francesca Fornario, giornalista

Interverranno numerose delegate, segretarie e lavoratrici della Flai Cgil che racconteranno le loro storie e le loro esperienze nel lavoro, nella rappresentanza dello stesso e nell’organizzazione.

I lavori dell’assemblea saranno trasmessi in diretta sulle pagine Facebook Flai Cgil nazionale e Collettiva. 

Per accrediti stampa scrivere a ufficiostampa@flai.it

Articoli correlati

“Le destre avanzano riducendo gli spazi democratici”

L’intervento sui fascismi al comitato esecutivo dello Iuf, a Losanna, del responsabile politiche internazionali della Flai Cgil, Andrea Coinu Non riteniamo ci sia un rischio...

Sindacato di strada anche per i quattro referendum

Assemblee in ogni posto di lavoro lungo la penisola, perché il lavoro è un bene comune Ciao ciao jobs act, precarietà, licenziamenti facili, appalti che...

Operaio muore nello zuccherificio di Brindisi. Flai Cgil: Una strage con responsabilità politiche precise

Vincenzo Valente, 46 anni, stava lavorando per una ditta esterna alla manutenzione del nastro dell'impianto dello zuccherificio di Brindisi, quando ha subito l'amputazione del...