HomePrimo PianoCaporalato e sfruttamento. Mininni: episodio di Terracina di violenza inaudita

Caporalato e sfruttamento. Mininni: episodio di Terracina di violenza inaudita

 

La norma sulla regolarizzazione dei lavoratori stranieri impiegati in agricoltura può essere uno strumento in più per contrastare la loro condizione di ricattabilità e vulnerabilità

 

“A Terracina (LT)padre e figlio, titolari di una azienda agricola del luogo si sono resi protagonisti di una azione di violenza inaudita nei confronti di un lavoratore che chiedeva solo di poter lavorare in sicurezza.
Il giovane lavoratore indiano ha riportato ferite al capo, fratture e lesioni in varie parti del corpo. Questo perché nel pieno della emergenza Condid-19 aveva chiesto Dispositivi di Protezione Individuali, la risposta a tali legittime richieste è stata il licenziamento senza pagamento delle giornate lavorate, minacce e poi un vero e proprio pestaggio”. Così la denuncia del Segretario generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni.

“A seguito di tale episodio le indagini hanno portato a scoprire nell’azienda dei protagonisti un sistematico sfruttamento dei lavoratori, tutti stranieri, condizioni di lavoro non regolari in termini di salute e sicurezza, orari di lavoro di 12 ore al giorno per una paga di 4 euro l’ora. Episodi di questo tipo dimostrano, purtroppo, – prosegue Mininni – quanto sia ancora aggressivo e presente il fenomeno dello sfruttamento e del caporalato nelle nostre campagne e quanto siano sotto ricatto i lavoratori stranieri”.

“La norma contenuta nel Decreto Rilancio sulla regolarizzazione dei lavoratori stranieri impiegati in agricoltura può essere uno strumento in più per contrastare la condizione di ricattabilità dei lavoratori e la loro vulnerabilità nel richiedere il rispetto di diritti elementari. Anche con questo provvedimento sarà più facile chiedere il rispetto dei contratti e i “padroni” di turno si troveranno di fronte uomini e donne con pieni diritti e non braccia da sfruttare. E la Flai Cgil, come sempre, sarà al fianco di questi lavoratori anche nel richiedere ancora una volta e con forza la piena attuazione della Legge 199/2016, a partire da accoglienza e collocamento e quindi l’istituzione, in tutte le province, delle Sezioni Territoriali della Rete per il lavoro agricolo di qualità”.

 

Articoli correlati

VI Rapporto agromafie e caporalato Osservatorio Placido Rizzotto, 29 novembre presentazione

L’economia sommersa e le infiltrazioni criminali; la filiera agroalimentare tra sfruttamento, caporalato ed ecoreati; le norme di contrasto allo sfruttamento e criticità nelle filiere agro-alimentari; la Rete del Lavoro agricolo di Qualità nel contrasto...

InFlai – Numero 2, novembre 2022

Il secondo numero di In Flai esce a pochi giorni dalla presentazione del Rapporto su Agromafie e Caporalato, in programma a Roma il prossimo 29 novembre. Si tratta del sesto studio realizzato dall'Osservatorio Placido Rizzotto...

Voucher in agricoltura. Mininni, scelta sbagliata si attaccano i diritti dei lavoratori più fragili e non si ritiene utile ascoltare il sindacato

“Il Governo ha annunciato che con la prossima manovra di bilancio intende “introdurre” l’utilizzo dei voucher in agricoltura. Ci teniamo innanzitutto a precisare che i cosiddetti voucher sono già previsti per i lavoratori agricoli...

Flai Cgil, sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano contro vecchie e nuove povertà

Un gesto di concreta solidarietà, quello della Flai Cgil che ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica, alla presenza del cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere di Papa Francesco, nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate...

Mininni: “Solo Stati Uniti e Israele insistono sul bloqueo. La Flai continuerà ad aiutare Cuba con azioni concrete”

“L’assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato a larga maggioranza e per la trentesima volta, il pesantissimo embargo imposto a Cuba dagli Usa - osserva il segretario generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni -...