Mininni: assurdo slittamento processo Paola Clemente, segnale preoccupante che allontana giustizia e verità

Giustizia sempre più lontana per Paola Clemente, morta nel luglio del 2015 mentre stava lavorando alla acinellatura dell’uva a temperature altissime. La Flai Cgil costituitasi parte civile nel processo, ha dovuto constatare che i primi testimoni saranno ascoltati a giugno del 2023, con lo slittamento di un anno da quando calendarizzato.

“Tempi così lunghi per i processi allontano dalla verità e dalla giustizia e non aiutano a prevenire il fenomeno dello sfruttamento e del caporalato in agricoltura. Abbiamo una buona legge, la 199/2016 nata anche dal sacrificio di Paola Clemente, ma poi serve la reale applicazione di questa legge, così come servono i controlli. Questo slittamento del processo è un segnale preoccupante, che ci amareggia e che stentiamo a comprendere”. Così il commento di Giovanni Mininni, Segretario generale Flai Cgil.

“E’ assurdo che a sette anni di distanza dalla morte di Paola non si riesca ancora ad arrivare alla parte dibattimentale del processo e avere finalmente giustizia e verità per Paola Clemente e per tutte quelle lavoratrici e quei lavoratori che ancora oggi soffrono condizioni di lavoro proibitive. Per Paola e per tutti costoro seguiterà il nostro impegno”.

Articoli correlati

Sciopero nazionale, mai più morti sul lavoro

Dopo la strage operaia di Firenze Flai in piazza con l’Italia che dice no al lavoro che uccide Basta parlare di cordoglio, è il momento...

Confronto governo-sindacati, tavoli tecnici sui problemi del settore

“Consideriamo l’incontro con i ministri Calderoni e Lollobrigida un importante momento di confronto che dovrà proseguire con degli approfondimenti necessari da svolgere in tavoli...

Premio Jerry Masslo 2024, il bando e le modalità di partecipazione

La Flai Cgil annuncia la VI edizione del "Premio Jerry Masslo", che si svolgerà il 29, 30, 31 maggio prossimi. L’edizione 2024 del Premio...