HomePrimo PianoL’orto di Cuba, crescono i frutti dell’amicizia fra la Flai e l’isola...

L’orto di Cuba, crescono i frutti dell’amicizia fra la Flai e l’isola perseguitata dal bloqueo. Ciao Aldo Garzia, noi ti salutiamo così

Non basta il pollice verde, ci vuole il cuore che batte dalla parte giusta per fare crescere un orto così rigoglioso. Istantanee da L’Avana, dove il campo progettato dalla Flai Cgil all’interno della struttura “Benjamín Moreno”, centro medico psicopedagogico altamente specializzato, cresce bello florido. Complice il clima mite, le colture si sono sviluppate rapidamente, fino a far somigliare l’appezzamento di terreno a una sorta di giardino incantato. Coltivare, prendersi cura della terra, non solo ha una funzione terapeutica per i pazienti del centro ma permette loro anche di mangiarne i frutti. Di fronte alla follia di un bloqueo che dura da più di mezzo secolo, riuscire a essere indipendenti è una necessità per il paese socialista. E il sostegno di chi, come la Flai Cgil, ha avviato un saldo rapporto di cooperazione con l’isola caraibica aiuta a sopportare meglio gli effetti di un embargo che ha come unico obiettivo quello di soffocare l’economia di Cuba. Joe Biden non ha allentato la morsa, l’attuale presidente degli Usa si sta comportando come il suo predecessore Donald Trump. Così a Natale un container con venti tonnellate di riso e legumi è partito da Livorno per raggiungere il porto di Mariel, una traversata di migliaia di chilometri per portare un aiuto concreto a un popolo che anche durante la pandemia ha studiato e messo a disposizione di tutti vaccini efficaci. Come dimenticare i trentotto medici della brigata “Henry Reeve”, atterrati all’aeroporto di Torino per aiutare l’Italia nella sua battaglia contro il Covid-19 quando c’erano tanti morti e non esisteva il vaccino? Il rapporto della Flai con Cuba dura da più di dieci anni, un legame affettivo stabile, che resiste nella tempesta di un mondo globalizzato a senso unico. Un rapporto di scambio, di “unidad y compromiso”, con il Sntiap, gemello cubano del sindacato dell’agroindustria, che porta ad azioni concrete di sostegno, per fare la cosa giusta. Oggi ci lascia un giornalista, intellettuale, saggista, scrittore, esperto e amico di Cuba, Aldo Garzia. Ciao Aldo, questo orto è anche per te

Articoli correlati

VI Rapporto agromafie e caporalato Osservatorio Placido Rizzotto, 29 novembre presentazione

L’economia sommersa e le infiltrazioni criminali; la filiera agroalimentare tra sfruttamento, caporalato ed ecoreati; le norme di contrasto allo sfruttamento e criticità nelle filiere agro-alimentari; la Rete del Lavoro agricolo di Qualità nel contrasto...

InFlai – Numero 2, novembre 2022

Il secondo numero di In Flai esce a pochi giorni dalla presentazione del Rapporto su Agromafie e Caporalato, in programma a Roma il prossimo 29 novembre. Si tratta del sesto studio realizzato dall'Osservatorio Placido Rizzotto...

Voucher in agricoltura. Mininni, scelta sbagliata si attaccano i diritti dei lavoratori più fragili e non si ritiene utile ascoltare il sindacato

“Il Governo ha annunciato che con la prossima manovra di bilancio intende “introdurre” l’utilizzo dei voucher in agricoltura. Ci teniamo innanzitutto a precisare che i cosiddetti voucher sono già previsti per i lavoratori agricoli...

Flai Cgil, sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano contro vecchie e nuove povertà

Un gesto di concreta solidarietà, quello della Flai Cgil che ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica, alla presenza del cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere di Papa Francesco, nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate...

Mininni: “Solo Stati Uniti e Israele insistono sul bloqueo. La Flai continuerà ad aiutare Cuba con azioni concrete”

“L’assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato a larga maggioranza e per la trentesima volta, il pesantissimo embargo imposto a Cuba dagli Usa - osserva il segretario generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni -...