Liberare il lavoro. Mininni al Fondo Nappo: oggi questo territorio sorride

 
“Una lotta di civiltà contro la camorra, la mafia”, il segretario generale della Flai Giovanni Mininni non ha dubbi. “Quando decidi da che parte stare avverti la necessità di farlo con azioni concrete”. Flai Cgil, Alpaa, Libera, don Tonino Palmese di Pol.i.s., l’assessore regionale e il sindaco si sono dati appuntamento a Scafati, nel salernitano, nel fondo agricolo Nicola Nappo, per ‘liberare il lavoro’. Per non dimenticare una vittima innocente della mafia, un ragazzo, Nicola, barbaramente ucciso nel 2009 a Poggiomarino di cui il fondo porta il nome. Per dire che i beni sottratti alla collettività con affari illeciti, omicidi, racket, possono essere confiscati e restituiti per dare lavoro, per dare risposta ai bisogni. “Il controllo del territorio, delle attività produttive da parte della mafia, della camorra, dei prepotenti, lo combatti non solo con gli arresti, ma se togli loro gli spazi fisici che hanno occupato. Questo territorio oggi sorride, è diventato bello. I cittadini di Scafati vengono per fare iniziative, musica, cento ortolani fanno qui il proprio orto”.

Articoli correlati

Due container di aiuti in partenza per Gaza, la solidarietà concreta di Flai e Cgil

Materiale sanitario, vestiario, alimenti, oltre trenta tonnellate di generi di prima necessità partiranno verso la Striscia nei prossimi giorni Più di trenta tonnellate di generi...

In Flai il sindacato di strada è anche street art

Jorit consegna alla categoria i ritratti di Argentina Altobelli e Giuseppe Di Vittorio, due personaggi chiave nella storia dell'organizzazione. La conferenza stampa diventa l'occasione...

Serve la pace e serve subito

La Flai Cgil condanna l’escalation in atto in Medio Oriente. Non possiamo stare a guardare il continuo ricorso alle armi che feriscono, uccidono e...