La solidarietà della Flai al redattore di Left licenziato: una brutta pagina di lavoro

Scopriamo da Stampa Romana che Federico Tulli, da 17 anni giornalista di Left, è stato licenziato. La colpa sarebbe quella di aver collaborato alla luce del sole per alcuni anni con un’agenzia, dove per altro ha promosso Left. Questa collaborazione si è conclusa un anno fa e ora improvvisamente lo sconcertante e abnorme provvedimento. Da abbonati e lettori storici di Left, noi, donne e uomini della Flai Cgil, condanniamo l’accaduto, e siamo molto preoccupati per il futuro del periodico. Quanto alla professionalità di Tulli, i suoi articoli parlano da sé. E’ ancora più preoccupante che un provvedimento sia preso da una delle poche pubblicazioni di sinistra rimaste nel nostro paese, che è un importante agorà politico culturale. Pertanto confidiamo che l’editore torni sui suoi passi e diamo la nostra più completa solidarietà al redattore Tulli che è anche il rappresentante sindacale in quel giornale. Chi lavora non va lasciato solo e chi viene ingiustamente licenziato ci troverà  sempre dalla sua parte.

Articoli correlati

Sciopero nazionale, mai più morti sul lavoro

Dopo la strage operaia di Firenze Flai in piazza con l’Italia che dice no al lavoro che uccide Basta parlare di cordoglio, è il momento...

Confronto governo-sindacati, tavoli tecnici sui problemi del settore

“Consideriamo l’incontro con i ministri Calderoni e Lollobrigida un importante momento di confronto che dovrà proseguire con degli approfondimenti necessari da svolgere in tavoli...

Premio Jerry Masslo 2024, il bando e le modalità di partecipazione

La Flai Cgil annuncia la VI edizione del "Premio Jerry Masslo", che si svolgerà il 29, 30, 31 maggio prossimi. L’edizione 2024 del Premio...