La solidarietà della Flai a Moni Ovadia

La solidarietà della Flai Cgil a Moni Ovadia che, per citare Simone de Beauvoir, accetta “la grande avventura di essere se stesso”. “Sono fatto così e dal 1994 denuncio le politiche del governo di Israele – scrive l’artista errante – Spero che questo mio piccolissimo gesto serva a mettere in avviso i cittadini italiani: quando attacchi le opinioni inizi a prefigurare la tirannia. Ho detto che la responsabilità di tutto quello che è accaduto ricade sul governo israeliano. Non ho detto ‘Viva Hamas’. Ho solo aggiunto che hanno lasciato marcire la situazione. Questo è il nuovo fascismo: stigmatizzare l’opinione delle persone criminalizzandole”. Moni si dimette da direttore del Teatro di Ferrara in un silenzio che sconforta. La Flai Cgil gli è accanto, lo stimiamo, lo abbiamo invitato al nostro congresso, e non accettiamo di cedere alla logica binaria dell’amico-nemico, della censura, che restringe ogni spazio di libertà.  

Articoli correlati

Premio Jerry Masslo, per non dimenticare e continuare a lottare. Mininni, Flai Cgil: “Aboliamo la Bossi-Fini”

La Flai Cgil annuncia la VI edizione del “Premio Jerry Masslo”, che si svolgerà il 29, 30, 31 maggio prossimi tra Caserta, Villa Literno...

La Via Maestra fa tappa a Napoli per difendere la democrazia

Sulla via maestra questa volta ci sono almeno 50mila persone. E le strade di Napoli quasi non ce la fanno a contenerle tutte. Donne...

Premio Jerry Masslo 2024, il programma delle tre giornate

La Flai Cgil nazionale presenta il programma definitivo della nuova edizione del Premio Jerry Masslo 2024, che si svolgerà il 29, 30 e 31...