La 194 non si tocca

L’idea di avere il controllo sul corpo delle donne è una regressione: non siamo disponibili ad accettarlo

Siamo ancora in piazza, a Roma, davanti al Senato, per dire al governo e alla sua maggioranza che si debbono fermare, perché l’inserimento nel Pnrr di un emendamento che consente alle associazioni antiabortiste l’ingresso nei consultori pubblici è un attacco gravissimo, che viola l’autodeterminazione delle donne. L’idea di avere il controllo sul corpo delle donne è una regressione: non siamo disponibili ad accettarlo. La battaglia per la scelta delle donne è una battaglia per una crescita culturale e civile di tutto il paese. “La libertà delle donne è il segno della libertà sociale”, sono le parole di Rosa Luxemburg a fotografare efficacemente quello che dovrebbe essere e che ancora non è.

Con Cgil e Uil vogliamo far sapere ai parlamentari che non stanno rappresentando la maggioranza delle italiane e degli italiani. Questi provvedimenti dentro il Pnrr non rispettano ciò che era stato promesso di fare: dovevano essere finalizzati a far crescere l’occupazione, in particolare delle donne e dei giovani, ma questo non sta avvenendo. Dovevano aumentare gli asili nido, non sta avvenendo. Anzi, hanno fatto tagli proprio sulla cura e la sicurezza, la sanità, la salute delle persone. Dobbiamo dire con forza che la strada che questo governo ha scelto è una strada sbagliata, non è quella che serve al Paese. 

Articoli correlati

Premio Jerry Masslo 2024, il programma delle tre giornate

La Flai Cgil nazionale presenta il programma definitivo della nuova edizione del Premio Jerry Masslo 2024, che si svolgerà il 29, 30 e 31...

“Le destre avanzano riducendo gli spazi democratici”

L’intervento sui fascismi al comitato esecutivo dello Iuf, a Losanna, del responsabile politiche internazionali della Flai Cgil, Andrea Coinu Non riteniamo ci sia un rischio...

Sindacato di strada anche per i quattro referendum

Assemblee in ogni posto di lavoro lungo la penisola, perché il lavoro è un bene comune Ciao ciao jobs act, precarietà, licenziamenti facili, appalti che...