Incendio Borgo Mezzanone, Mininni: “Lo ripetiamo, i ghetti vanno chiusi al più presto”

Ancora un incendio, nella notte, a Borgo Mezzanone. “Per fortuna le fiamme questa volta hanno distrutto solo baracche, e non hanno spento vite umane – commenta il segretario generale della Flai Cgil Giovanni Mininni – I vigili del fuoco sono subito intervenuti, per evitare che il rogo si allargasse ulteriormente. Quest’ultimo incendio, che ha coinvolto circa cinquanta baracche e alloggi di fortuna, è la prova provata che ghetti del genere non dovrebbero esistere, luoghi dove la vita è sempre a rischio, per un incidente, un cortocircuito, anche solo un mozzicone di sigaretta spento male”. “I cosiddetti insediamenti informali vanno cancellati – sottolinea Mininni – progettando alternative, anche grazie ai soldi del piano nazionale di ripresa e resilienza, che ha riservato fondi specifici proprio per superare ghetti e baraccopoli, sempre più popolati in questo periodo dell’anno per la raccolta di ortaggi, frutta e verdura”. 

Articoli correlati

In piazza per il cessate il fuoco

Giornata di mobilitazione nazionale per chiedere il cessate il fuoco, in tutte le guerre che appestano il pianeta, a cominciare da quella in Ucraina...

Sciopero nazionale, mai più morti sul lavoro

Dopo la strage operaia di Firenze Flai in piazza con l’Italia che dice no al lavoro che uccide Basta parlare di cordoglio, è il momento...

Confronto governo-sindacati, tavoli tecnici sui problemi del settore

“Consideriamo l’incontro con i ministri Calderoni e Lollobrigida un importante momento di confronto che dovrà proseguire con degli approfondimenti necessari da svolgere in tavoli...