Incendio a Borgo Mezzanone, Mininni domani nel ghetto: “Intervenire subito per cancellare queste autentiche vergogne” 

Ennesimo rogo nell’invivibile ghetto di Borgo Mezzanone, a pochi chilometri da Foggia. “Solo per caso non ci sono state vittime nell’incendio che ha completamente distrutto otto baracche del cosiddetto insediamento informale, dove un migliaio di migranti lavoratori agricoli sono costretti a vivere – osserva il segretario generale della Flai Cgil Giovanni Mininni – Secondo i primi accertamenti l’incendio sarebbe divampato in una baracca per poi propagarsi alle altre, i materiali altamente infiammabili, perlopiù tavole di legno e teloni, utilizzati per trovare riparo, sia in inverno che in estate, rendono esplosiva una situazione che pure persiste, stagione dopo stagione. Una vergogna”. “Non ci si può voltare dall’altra parte aspettando l’inevitabile, prossima tragedia. I finanziamenti per uscire dai ghetti ci sono, perché non sono stati ancora utilizzati? La Prefettura aveva preso impegni che devono essere rispettati”. Proprio domani il segretario della Flai Cgil sarà a Borgo Mezzanone per ribadire che l’uscita dai ghetti è prioritaria: “Bisogna intervenire subito nel segno del rispetto di donne e uomini che scappano dai loro paesi, da guerre, carestie, miseria, violenze di ogni tipo, in cerca di un futuro migliore. Donne e uomini che arrivano in Italia e vengono sfruttati, schiavizzati per produrre ricchezza per noi”.

Articoli correlati

Referendum sul lavoro, il 19 giugno raccolta firme straordinaria della Flai

La raccolta delle firme per la campagna referendaria della Cgil è una priorità per la Flai, un impegno che prosegue ininterrottamente e che è...

Orrore a Latina, bracciante con arto staccato viene abbandonato in mezzo alla strada 

Il lavoratore agricolo di nazionalità indiana gravemente ferito non è stato soccorso. Era impegnato nella lavorazione del fieno. Flai Cgil: “Questa la barbarie che...

Contro la secessione dei ricchi, per la Costituzione

Una controriforma che spacca il Paese, aumentando disuguaglianze e divari territoriali. Senza minimamente affrontare la crisi sociale che stiamo attraversando. È l'Autonomia differenziata su...