In piazza per non dimenticare e rimettere al centro il lavoro

In piazza per non dimenticare l’assalto fascista che lo scorso 8 ottobre ha devastato la sede della Cgil di corso d’Italia. E per ricordare a tutti che il lavoro – con i suoi valori e i suoi diritti – deve essere al centro di qualsiasi progetto di società si voglia costruire. Mentre sale il numero delle vittime della repressione del regime degli Ayatollah, quella della Cgil sarà anche la piazza delle donne che lottano per i diritti di tutte e tutti.

Articoli correlati

Mininni: “I problemi strutturali del lavoro agricolo non si risolvono solo con il decreto flussi”

L’intervista di Stefano Galieni al segretario generale della Flai Cgil su Left Lotta al caporalato e allo sfruttamento, miglioramento del condizioni di lavoro nei campi,...

A Milano per un mondo diverso possibile, senza le mafie e le guerre

Una grande bandiera arcobaleno apre il corteo della XXVIII Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Contro le mafie...

Unita e resistente, la Cgil con Landini lavora per il futuro

Adelmo Cervi sul palco del XIX congresso della Cgil a Rimini è una magnifica risposta ai rigurgiti di un passato tragico della vita del...