Basta guerre, in piazza per il cessate il fuoco

Giornata di mobilitazione nazionale per chiedere il cessate il fuoco, in tutte le guerre che appestano il pianeta, a cominciare da quella in Ucraina e in Palestina. Il 24 febbraio, anniversario dell’invasione russa, è una data simbolo. “Fermiamo la criminale follia di tutte le guerre, la corsa al riarmo, la distruzione del Pianeta”, scrive la Rete italiana Pace e Disarmo cui aderisce anche la Cgil. Tutte e tutti in piazza per gridare a una voce sola ‘Basta guerre’. “La guerra non si può umanizzare, si può solo abolire”, le parole di Albert Einstein sono l’ennesima lezione di una delle più grandi personalità dell’epoca moderna. I colori dell’arcobaleno, che oggi dominano le piazze della penisola, cancellino il buco nero della guerra con il suo portato di morte, distruzione e sofferenza inenarrabile delle popolazioni civili. 

Articoli correlati

Serve la pace e serve subito

La Flai Cgil condanna l’escalation in atto in Medio Oriente. Non possiamo stare a guardare il continuo ricorso alle armi che feriscono, uccidono e...

Flai e Cuba, una Piramide giocosa per i più piccoli

Solidarietà concreta per una popolazione vessata, che non si vuole arrendere al pensiero unico Amicizia e solidarietà concreta con Cuba per sgretolare il muro dell’antistorico...

Anche la Flai in piazza contro l’insicurezza sul lavoro 

Mezzo paese si è fermato, almeno per quattro ore, nel giorno dello sciopero contro l’insicurezza sul lavoro deciso da Cgil e Uil dopo le...