Il lavoro è integrazione, l’altro volto della Calabria

Fra le cipolle di un’azienda agricola di Amantea lavoratori italiani e migranti trovano quell’integrazione da sempre obiettivo, almeno sulla carta, di una politica troppo spesso distratta se non complice di quelle chiusure xenofobe i cui drammatici effetti sono ben visibili nelle cronache dei media. Fino ad arrivare a vere e proprie stragi come quella che, qualche mese fa, è avvenuta a pochi metri dalla costa calabra. Lavorare fianco a fianco, condividere le fatiche e perché no, anche le soddisfazioni di un impegno quotidiano in un’azienda agricola, è anche un modo per conoscersi, tessere legami, imparare la lingue. In una parola integrarsi. Si chiama “Il lavoro è integrazione, l’altro volto della Calabria” l’iniziativa promossa da Cgil Flai Cosenza, Cgil Cosenza e Alpaa al Mediterraneo Palace Hotel di Amantea. A moderare i lavori Giovambattista Nicoletti segretario generale Flai Cgil Cosenza, interviene Alessia Costabile, del dipartimento Immigrazione Flai Cgil Cosenza, le conclusioni sono affidate a  Giovanni Mininni, segretario generale Flai Cgil nazionale. A margine dell’iniziativa l’inaugurazione a Campora San Giovanni (via delle Dalie 16) della Casa dei Popoli, un luogo che dovrà rappresentare un punto di riferimento per le tante lavoratrici, i tanti lavoratori extracomunitari residenti nella zona. Non solo luogo di tutela dei diritti, ma soprattutto di accoglienza.

Articoli correlati

Referendum sul lavoro, il 19 giugno raccolta firme straordinaria della Flai

La raccolta delle firme per la campagna referendaria della Cgil è una priorità per la Flai, un impegno che prosegue ininterrottamente e che è...

Orrore a Latina, bracciante con arto staccato viene abbandonato in mezzo alla strada 

Il lavoratore agricolo di nazionalità indiana gravemente ferito non è stato soccorso. Era impegnato nella lavorazione del fieno. Flai Cgil: “Questa la barbarie che...

Contro la secessione dei ricchi, per la Costituzione

Una controriforma che spacca il Paese, aumentando disuguaglianze e divari territoriali. Senza minimamente affrontare la crisi sociale che stiamo attraversando. È l'Autonomia differenziata su...