Il Fondo Nappo sconfigge la camorra

Cartoline dal Fondo Nappo, bene confiscato alla criminalità organizzata: gli attivisti sono già impegnati a piantare i pomodori, che saranno raccolti nei prossimi mesi per diventare una delle tante produzioni di qualità dei terreni di Scafati, nell’agro nocerino-sarnese. Si lavora con rinnovato entusiasmo, dopo la bella e partecipata manifestazione di sabato scorso, le intimidazioni della camorra sono state rispedite al mittente. Sono arrivati da tutta Italia nella cittadina del salernitano, c’è chi ha dormito solo tre ore, chi addirittura si è messo in viaggio il giorno prima, per prendere parte a un lungo corteo che nel suo percorso è diventato una sorta di processione laica, a difesa di terreni fertili e coltivati dedicati a un ragazzo del posto, Nicola Nappo, ucciso senza colpe a soli 23 anni. Il 29 aprile 2023 sarà ricordato come un giorno di resistenza e di lavoro pulito, onesto, dignitoso, due ideali strettamente allacciati in una manifestazione fortemente voluta dalla Flai Cgil, da Libera, dall’intera Confederazione e da Alpaa. Giù le mani dal fondo Nappo. Perché la lotta contro le mafie, il caporalato e il lavoro nero è resistenza quotidiana nell’Italia di oggi.

Articoli correlati

Flai e Cuba, una Piramide giocosa per i più piccoli

Solidarietà concreta per una popolazione vessata, che non si vuole arrendere al pensiero unico Amicizia e solidarietà concreta con Cuba per sgretolare il muro dell’antistorico...

Anche la Flai in piazza contro l’insicurezza sul lavoro 

Mezzo paese si è fermato, almeno per quattro ore, nel giorno dello sciopero contro l’insicurezza sul lavoro deciso da Cgil e Uil dopo le...

La Flai al ghetto di Borgo Mezzanone. Mininni: “Il governo agisca in fretta”

Ammontano ad oltre 103 milioni di euro le risorse del Pnrr destinate alla Capitanata per superare gli insediamenti informali. «Ma la messa a terra...