Giù le mani da Lucha Y Siesta

La Flai è davanti alla Regione Lazio, con la Cgil compatta, le associazioni, con ogni cittadina e cittadino che non sopporta ingiustizie e sopraffazioni, per difendere un presidio antiviolenza all’avanguardia, un’esperienza che in quindici anni ha sopperito alle mancanze del sistema antiviolenza locale e nazionale, inadeguato in termini di accoglienza per donne e minori in fuga da guerre, miseria, carestie, maltrattamenti di ogni genere, carente negli interventi di prevenzione alla violenza di genere. Cancellare Lucha y Siesta è un atto politico inaccettabile, un’azione miope e incompetente, una violenza istituzionale che dobbiamo impedire. La giunta Rocca non può pensare di spazzar via con una delibera Lucha e quel che rappresenta, mentre si avvicina il 25 novembre, a fronte di 93 femminicidi in 9 mesi. Basta con gli attacchi ai diritti delle donne, lo abbiamo detto anche il 7 ottobre in Piazza San Giovanni, non un passo indietro #luchasiamotutt3. 

Articoli correlati

Due container di aiuti in partenza per Gaza, la solidarietà concreta di Flai e Cgil

Materiale sanitario, vestiario, alimenti, oltre trenta tonnellate di generi di prima necessità partiranno verso la Striscia nei prossimi giorni Più di trenta tonnellate di generi...

In Flai il sindacato di strada è anche street art

Jorit consegna alla categoria i ritratti di Argentina Altobelli e Giuseppe Di Vittorio, due personaggi chiave nella storia dell'organizzazione. La conferenza stampa diventa l'occasione...

Serve la pace e serve subito

La Flai Cgil condanna l’escalation in atto in Medio Oriente. Non possiamo stare a guardare il continuo ricorso alle armi che feriscono, uccidono e...