Voucher, Mininni, Flai Cgil: “Non serve nuovo ‘lavoro occasionale agricolo’, si crea solo altra precarietà e il timore è che aumenti lo sfruttamento”  

“L’emendamento sui voucher è sicuramente anche frutto degli scioperi e delle mobilitazioni della scorsa settimana, che avevano portato in piazza insieme agli altri i lavoratori agricoli preoccupati proprio su questo punto”, dichiara Giovanni Mininni, segretario generale Flai Cgil. “Nonostante le modifiche che introducono qualche miglioramento, il nostro giudizio resta negativo. Si tratta di una nuova modalità di assunzione, il ‘lavoro subordinato occasionale a tempo determinato’, le cui giornate lavorate saranno utili ai fini di eventuali successive prestazioni previdenziali e assistenziali (ds agricola), e saranno retribuite con riferimento ai contratti collettivi dell’agricoltura, che limita l’utilizzo a disoccupati, pensionati, percettori di ammortizzatori sociali, giovani studenti e carcerati che non hanno avuto rapporti di lavoro agricolo nei tre anni precedenti. Si escludono, giustamente, i lavoratori agricoli iscritti agli elenchi anagrafici. Ma comunque si estende la precarietà̀ perché́ vengono meno i limiti economici attualmente previsti per il lavoro occasionale e si allarga la possibilità̀ di utilizzare il lavoro accessorio a tutte le imprese del settore primario.
Inoltre, la durata massima prevista di 45 giorni non giustifica l’occasionalità del rapporto di lavoro, che dovrebbe rimanere circoscritto ad esigenze eccezionali, e aver introdotto un nuovo istituto contrattuale può solo generare competizione al ribasso verso l’ordinario rapporto di lavoro subordinato che normalmente viene attivato in agricoltura. Si afferma, nell’emendamento, che la norma dovrebbe servire a garantire la continuità produttiva delle imprese e facilitare il reperimento di manodopera solo perché le aziende usufruiranno di norme più semplificate. Può anche essere, ma il motivo principale per cui non si trovano lavoratori è che sono pagati poco e male e con questo intervento non si risolve il problema”.
“Nelle pieghe della semplificazione per le aziende – continua il segretario generale della Flai Cgil – temiamo che si aprano ulteriori spazi allo sfruttamento e al caporalato. Solo per citarne una: che senso ha fare un contratto di lavoro che dura tutto l’anno, ad un giovane studente o ad un pensionato, e poi chiamarlo a lavorare fino a 45 giornate al massimo? Situazioni del genere prevederebbero accordi sindacali per monitorare le modalità di assunzione e la garanzia delle giornate lavorate. Con questa norma si lascia il lavoratore nelle mani dell’impresa, che lo chiamerà quando vuole. I datori di lavoro corretti, certamente applicheranno la norma senza approfittarne ma, vista la diffusa irregolarità del settore, risulta difficile pensare che non ci siano tanti che possano approfittarne. Infine, se puoi fare anche una sola busta paga al termine, con la quale dai conto del rapporto di lavoro svoltosi durante l’anno, si capisce come in queste maglie così larghe si possa infiltrare di tutto, lavoro nero e lo sfruttamento”.
“Abbiamo sempre detto di essere contrari al lavoro accessorio -conclude Mininni – perché inutile in agricoltura e l’attuale legislazione consentiva quel giusto compromesso che evitava i rischi e pericoli di illegalità. Adesso, nonostante le modifiche, non possiamo che confermare la nostra convinzione che la precarietà mortifica il lavoro e non aiuta il settore ad uscire dalla piaga dello sfruttamento e del caporalato e non si affronterà seriamente la necessità di trovare manodopera fino a che non si aumentano i salari e il numero delle giornate lavorate per dare dignità al lavoro agricolo.” 

Articoli correlati

7-9 Febbraio VIII Congresso Flai Cgil

Dal 7 al 9 febbraio si svolgerà l’VIII Congresso della FLAI CGIL Nazionale, a Roma presso il Rome Marriott Park Hotel – Via Colonnello Tommaso...

InFLAI – numero 1 del 2023

Il primo numero dell'anno di InFlai esce a ridosso dell’ottavo congresso nazionale della FLAI CGIL in programma a Roma dal 7 al 9 febbraio....

Mininni: “Si continua a morire a Borgo Mezzanone”

“Si continua a morire nella baraccopoli di Borgo Mezzanone (Foggia), dove questa mattina sono stati trovati senza vita un uomo e una donna, uccisi...