Flai Cgil nelle piazza del paese per dire: adesso basta

Protestare contro una legge Finanziaria sbagliata che non dà risposte al mondo del lavoro, penalizza le pensioni, non tutela la sanità e la scuola pubblica, scippa il futuro ai giovani. Otto ore di sciopero generale, manifestazioni in 58 città – ma il dato è in crescita – oltre 100 presìdi in tutto il paese. Ai numeri della mobilitazione proclamata da Cgil e Uil, che inizierà venerdì 17 novembre, vanno aggiunte le centinaia di assemblee nei luoghi di lavoro. Dalla Sicilia al Piemonte, con la Flai Cgil in prima linea non c’è stato giorno senza incontri nelle fabbrica, iniziative nei consorzi di bonifica, appuntamenti nelle aziende agricole per coinvolgere il maggior numero di lavoratrici e lavoratori in una protesta generalizzata che ha l’obbiettivo di riportare al centro il lavoro sempre più povero, precario, insicuro. Adesso basta, cambiare si può.  

Articoli correlati

Premio Jerry Masslo, per non dimenticare e continuare a lottare. Mininni, Flai Cgil: “Aboliamo la Bossi-Fini”

La Flai Cgil annuncia la VI edizione del “Premio Jerry Masslo”, che si svolgerà il 29, 30, 31 maggio prossimi tra Caserta, Villa Literno...

La Via Maestra fa tappa a Napoli per difendere la democrazia

Sulla via maestra questa volta ci sono almeno 50mila persone. E le strade di Napoli quasi non ce la fanno a contenerle tutte. Donne...

Premio Jerry Masslo 2024, il programma delle tre giornate

La Flai Cgil nazionale presenta il programma definitivo della nuova edizione del Premio Jerry Masslo 2024, che si svolgerà il 29, 30 e 31...