Firmato il Protocollo cura-legalità-uscita dal ghetto

E’ stato firmato questa mattina “Il Protocollo sperimentale contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura “Cura-Legalità-Uscita dal ghetto”, presso il Ministero dell’Interno.

La dichiarazione di Ivana Galli, Segretaria Generale Flai Cgil:

CAPORALATO. GALLI, BENE PROTOCOLLO CURA-LEGALITA’-USCITA DAL GHETTO, ORA FARE PRESTO CON DDl 2217

“Il Protocollo sperimentale contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura “Cura-Legalità-Uscita dal ghetto”, per i lavoratori stranieri, che abbiamo sottoscritto questa mattina con i Ministeri del Lavoro, dell’Interno e delle Politiche agricole alimentari e forestali, è un atto importante di contrasto al caporalato ed allo sfruttamento in agricoltura”. Lo dichiara Ivana Galli, Segretaria Generale Flai Cgil nazionale, tra i sottoscrittori del Protocollo.

“In attesa del Ddl 2217 di contrasto al caporalato, con questo Protocollo siamo sulla strada giusta, un passo avanti verso la legalità: Ministeri, Regioni, Ispettorato del lavoro, associazioni datoriali, sindacati ed associazioni che si occupano di accoglienza e contrasto all’illegalità sono finalmente coinvolti, tutti insieme, per contrastare quello che nelle nostre campagne è un fenomeno gravissimo e non più tollerabile. Anche se il Protocollo interessa per ora cinque Regioni, individuate come a maggior rischio, siamo convinti che possa dare un segnale chiaro a chi vuole operare nell’illegalità e speculare sullo stato di necessità di tanti lavoratori immigrati. Nel Protocollo si affronta la questione dell’accoglienza e dell’integrazione, dell’istituzione di presidi medico-sanitari, del trasporto gratuito della manodopera nei luoghi di lavoro, nonché della promozione di “legalità e sicurezza nei rapporti di lavoro”. Il tutto per raggiungere l’obiettivo di lotta al caporalato e allo sfruttamento del lavoro agricolo”.

“E’ evidente – prosegue Ivana Galli – che oltre a questo positivo Protocollo bisogna fare presto con il Ddl 2217, così da non dover affrontare l’estate 2016 alle stesse condizioni di quella passata. I dati che abbiamo recentemente presentato sulla condizione dei lavoratori in agricoltura non sono certo confortanti, con 430.000 lavoratori vittime di caporalato e sfruttamento ed un’economia illegale e sommersa nel settore che arriva a 17 miliardi di euro. A questi numeri, dietro i quali c’è lo sfruttamento delle braccia e la negazione dei diritti per tanti uomini e donne, bisogna rispondere con forza e con tutte le misure che la gravità della situazione richiede. Noi siamo determinati ad andare avanti e tutti insieme, Fai, Flai e Uila, saremo il 25 giugno a Bari per una grande manifestazione nazionale contro lavoro nero, sfruttamento e caporalato in agricoltura”.

Articoli correlati

Conoscere e ricordare. La rivolta delle tabacchine di Lanciano

Tra la fine di maggio e i primi giorni di giugno del 1968 le tabacchine di Lanciano si resero protagoniste di una delle battaglie...

Giornata mondiale ambiente, difendere l’ambiente per costruire il futuro

La giornata mondiale dell’ambiente, istituita cinquant’anni fa dalle Nazioni Unite, cade in un momento particolarmente delicato per il nostro paese visti gli stravolgimenti climatici...

Approvate piattaforme Ccnl industria e cooperazione alimentare, Mininni Flai Cgil: “Dignità e rispetto per chi produce tanta ricchezza”

Le mani alzate che stringono le deleghe certificano il via libera di delegate e delegati alle piattaforme del contratto collettivo nazionale di lavoro industria...