HomePrimo PianoFirmato il Protocollo cura-legalità-uscita dal ghetto

Firmato il Protocollo cura-legalità-uscita dal ghetto

E’ stato firmato questa mattina “Il Protocollo sperimentale contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura “Cura-Legalità-Uscita dal ghetto”, presso il Ministero dell’Interno.

La dichiarazione di Ivana Galli, Segretaria Generale Flai Cgil:

CAPORALATO. GALLI, BENE PROTOCOLLO CURA-LEGALITA’-USCITA DAL GHETTO, ORA FARE PRESTO CON DDl 2217

“Il Protocollo sperimentale contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura “Cura-Legalità-Uscita dal ghetto”, per i lavoratori stranieri, che abbiamo sottoscritto questa mattina con i Ministeri del Lavoro, dell’Interno e delle Politiche agricole alimentari e forestali, è un atto importante di contrasto al caporalato ed allo sfruttamento in agricoltura”. Lo dichiara Ivana Galli, Segretaria Generale Flai Cgil nazionale, tra i sottoscrittori del Protocollo.

“In attesa del Ddl 2217 di contrasto al caporalato, con questo Protocollo siamo sulla strada giusta, un passo avanti verso la legalità: Ministeri, Regioni, Ispettorato del lavoro, associazioni datoriali, sindacati ed associazioni che si occupano di accoglienza e contrasto all’illegalità sono finalmente coinvolti, tutti insieme, per contrastare quello che nelle nostre campagne è un fenomeno gravissimo e non più tollerabile. Anche se il Protocollo interessa per ora cinque Regioni, individuate come a maggior rischio, siamo convinti che possa dare un segnale chiaro a chi vuole operare nell’illegalità e speculare sullo stato di necessità di tanti lavoratori immigrati. Nel Protocollo si affronta la questione dell’accoglienza e dell’integrazione, dell’istituzione di presidi medico-sanitari, del trasporto gratuito della manodopera nei luoghi di lavoro, nonché della promozione di “legalità e sicurezza nei rapporti di lavoro”. Il tutto per raggiungere l’obiettivo di lotta al caporalato e allo sfruttamento del lavoro agricolo”.

“E’ evidente – prosegue Ivana Galli – che oltre a questo positivo Protocollo bisogna fare presto con il Ddl 2217, così da non dover affrontare l’estate 2016 alle stesse condizioni di quella passata. I dati che abbiamo recentemente presentato sulla condizione dei lavoratori in agricoltura non sono certo confortanti, con 430.000 lavoratori vittime di caporalato e sfruttamento ed un’economia illegale e sommersa nel settore che arriva a 17 miliardi di euro. A questi numeri, dietro i quali c’è lo sfruttamento delle braccia e la negazione dei diritti per tanti uomini e donne, bisogna rispondere con forza e con tutte le misure che la gravità della situazione richiede. Noi siamo determinati ad andare avanti e tutti insieme, Fai, Flai e Uila, saremo il 25 giugno a Bari per una grande manifestazione nazionale contro lavoro nero, sfruttamento e caporalato in agricoltura”.

Articoli correlati

VI Rapporto agromafie e caporalato Osservatorio Placido Rizzotto, 29 novembre presentazione

L’economia sommersa e le infiltrazioni criminali; la filiera agroalimentare tra sfruttamento, caporalato ed ecoreati; le norme di contrasto allo sfruttamento e criticità nelle filiere agro-alimentari; la Rete del Lavoro agricolo di Qualità nel contrasto...

InFlai – Numero 2, novembre 2022

Il secondo numero di In Flai esce a pochi giorni dalla presentazione del Rapporto su Agromafie e Caporalato, in programma a Roma il prossimo 29 novembre. Si tratta del sesto studio realizzato dall'Osservatorio Placido Rizzotto...

Voucher in agricoltura. Mininni, scelta sbagliata si attaccano i diritti dei lavoratori più fragili e non si ritiene utile ascoltare il sindacato

“Il Governo ha annunciato che con la prossima manovra di bilancio intende “introdurre” l’utilizzo dei voucher in agricoltura. Ci teniamo innanzitutto a precisare che i cosiddetti voucher sono già previsti per i lavoratori agricoli...

Flai Cgil, sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano contro vecchie e nuove povertà

Un gesto di concreta solidarietà, quello della Flai Cgil che ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica, alla presenza del cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere di Papa Francesco, nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate...

Mininni: “Solo Stati Uniti e Israele insistono sul bloqueo. La Flai continuerà ad aiutare Cuba con azioni concrete”

“L’assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato a larga maggioranza e per la trentesima volta, il pesantissimo embargo imposto a Cuba dagli Usa - osserva il segretario generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni -...