Condizionalità sociale Pac, bene Patuanelli su conferma introduzione dal 2023  

Nel corso di un incontro, tenutosi ieri pomeriggio e richiesto da Fai, Flai, Uila, il ministro per le politiche agricole Stefano Patuanelli ha ribadito l’impegno suo personale e del Mipaaf a introdurre la condizionalità sociale della Pac a partire dal 1° gennaio 2023. Tale impegno verrà formalizzato, ha assicurato il ministro, nella versione definitiva del PSN che sarà trasmessa a Bruxelles.  

Patuanelli ha anche dato rassicurazioni sul pieno coinvolgimento delle organizzazioni sindacali nei processi relativi alla definizione dei vari aspetti applicativi della condizionalità sociale, attraverso specifici tavoli tecnici. 

  

Nel corso dell’incontro, Fai-Flai-Uila, in considerazione del difficile contesto attuale e nel timore che la crisi di alcune filiere possa generare un effetto domino con pesanti ripercussioni sul versante occupazionale, hanno sollevato la necessità di introdurre adeguate misure di sostegno per i lavoratori. In particolare, è stata sottolineata l’urgenza di rendere immediatamente attuabile l’utilizzo della Cisoa al settore della pesca e di assicurare ai lavoratori agricoli le tutele assistenziali e previdenziali già previste in caso di calamità naturali, cosiddetto “trascinamento delle giornate”, estendendole anche ad altri fenomeni distruttivi della produzione e dell’occupazione. 

Fai, Flai e Uila esprimono un giudizio positivo sull’incontro di ieri e auspicano che il ministro Patuanelli sia vicino al mondo del lavoro, in un momento non facile della vita del paese. 

Articoli correlati

Premio Jerry Masslo 2024, il programma delle tre giornate

La Flai Cgil nazionale presenta il programma definitivo della nuova edizione del Premio Jerry Masslo 2024, che si svolgerà il 29, 30 e 31...

“Le destre avanzano riducendo gli spazi democratici”

L’intervento sui fascismi al comitato esecutivo dello Iuf, a Losanna, del responsabile politiche internazionali della Flai Cgil, Andrea Coinu Non riteniamo ci sia un rischio...

Sindacato di strada anche per i quattro referendum

Assemblee in ogni posto di lavoro lungo la penisola, perché il lavoro è un bene comune Ciao ciao jobs act, precarietà, licenziamenti facili, appalti che...