Comitato di monitoraggio piano strategico Pac, Fai, Flai e Uila: “Ingiustificata discriminazione verso il sindacato”

Si è insediato il Comitato di Monitoraggio Nazionale per l’attuazione del Piano strategico della Pac 2023-2027 che porterà, tra le varie misure, a disciplinare e monitorare la condizionalità sociale, importante novità della nuova programmazione agricola fortemente voluta dalle organizzazioni confederali. Al Tavolo hanno partecipato circa 80 rappresentanti tra istituzioni, organizzazioni agricole, cooperative, ambientaliste, e alimentari. Ma lo spazio riservato ai sindacati è stato decisamente inadeguato.

Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil denunciano la mancanza dell’attribuzione di un posto al tavolo della discussione e, dunque, l’impossibilità di esprimere la loro posizione in merito agli argomenti trattati. Nel decreto istitutivo del Comitato di Monitoraggio, infatti, viene riconosciuto un posto ad ognuna delle associazioni datoriali agricole in seno al tavolo, mentre per i sindacati dei lavoratori si è scelto di individuare un solo soggetto rappresentativo di tutte le sigle – confederali ed autonome – non tenendo conto di alcun criterio di rappresentanza e rappresentatività.

“Riteniamo ingiustificata tale discriminazione verso il mondo dei rappresentanti dei lavoratori agricoli” dichiarano Fai, Flai e Uila. “Per questa ragione chiediamo al Ministero di conoscere i criteri sulla base dei quali tale decisione è stata assunta, in quanto non coerente con i numeri sulla rappresentanza e la rappresentatività, certificati dalle istituzioni competenti e consegnate a suo tempo al Masaf. È noto, infatti, che Fai, Flai e Uila sono le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, che esprimono un rappresentante in seno al Cnel attraverso le proprie confederazioni.”

“È inammissibile dunque” concludono i sindacati “lasciare fuori da una discussione così rilevante i rappresentanti dei lavoratori del settore agricolo, proprio nell’anno di entrata in vigore della nuova politica agricola comunitaria e della condizionalità sociale che dovrà essere disciplinata e correttamente applicata già dal 2023, così come da impegni di questo ministero.”

Articoli correlati

Flai e Cuba, una Piramide giocosa per i più piccoli

Solidarietà concreta per una popolazione vessata, che non si vuole arrendere al pensiero unico Amicizia e solidarietà concreta con Cuba per sgretolare il muro dell’antistorico...

Anche la Flai in piazza contro l’insicurezza sul lavoro 

Mezzo paese si è fermato, almeno per quattro ore, nel giorno dello sciopero contro l’insicurezza sul lavoro deciso da Cgil e Uil dopo le...

La Flai al ghetto di Borgo Mezzanone. Mininni: “Il governo agisca in fretta”

Ammontano ad oltre 103 milioni di euro le risorse del Pnrr destinate alla Capitanata per superare gli insediamenti informali. «Ma la messa a terra...