Ccnl industria alimentare, trattative anche notturne

Nel giorno in cui la Confederazione lancia i referendum sul lavoro, vanno avanti a oltranza le trattative per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro dell’industria alimentare, che riguarda 400mila addetti. Donne e uomini che contribuiscono fattivamente alla ricchezza del paese, assicurando la diffusione del Made in Italy di qualità ai quattro angoli del pianeta. Uno dei motori principali della macchina Italia, che deve essere curato nei minimi dettagli. Referendum e contratto sono due facce della stessa medaglia, servono ad assicurare diritti e tutele adeguati a chi per vivere deve lavorare. La Cgil con tutte le sue categorie è in campo per cambiare le leggi sbagliate e proporre un altro modello sociale e di sviluppo, che cancelli il jobs act renziano, la insostenibile catena dei subappalti che provoca tragedie quotidiane con un’insicurezza generalizzata, e una precarietà diventata endemica nell’Italia del XXI secolo.   

Articoli correlati

Serve la pace e serve subito

La Flai Cgil condanna l’escalation in atto in Medio Oriente. Non possiamo stare a guardare il continuo ricorso alle armi che feriscono, uccidono e...

Flai e Cuba, una Piramide giocosa per i più piccoli

Solidarietà concreta per una popolazione vessata, che non si vuole arrendere al pensiero unico Amicizia e solidarietà concreta con Cuba per sgretolare il muro dell’antistorico...

Anche la Flai in piazza contro l’insicurezza sul lavoro 

Mezzo paese si è fermato, almeno per quattro ore, nel giorno dello sciopero contro l’insicurezza sul lavoro deciso da Cgil e Uil dopo le...