Non ci sono stati, purtroppo, passi avantinella trattativa per il rinnovo del Ccnl industria alimentare e, anche i punti di incontro che sembravano essere stati raggiunti nel corso delle riunioni tecniche, sono stati oggi messi in discussione dalla controparte.

Fai, Flai e Uila esprimono, dunque, un giudizio negativo sulla riunione plenariache si è svolta ogginella quale Federalimentare ha sostanzialmente ribadito le difficoltà economiche del settore aggravate dalla minaccia dei dazi Usa e dalla supertassa sulla plastica che il Governo si appresta a varare.

I sindacati hanno sollecitato la controparte a riconsiderare le proprie posizioni sul tema della partecipazione, valorizzazione della professionalità, estensione del secondo livello di contrattazione, welfare contrattualeappalti, comunità di sitoinquadramento professionale e del mercato del lavoro. In particolare, resta forte la distanza sullimpianto della struttura salarialeNon possiamo accettare di sentire che questo è un settore in crisi hanno ribadito i sindacati per poi sottolineare come il Patto per la fabbrica del 2018 deve servire da bussola per molti temi, come la partecipazione, ma in ogni caso non può essere utilizzato per abbassare il salario.

Vista la situazione di stallo, le parti hanno convenuto di definire un calendario di incontri tecnici per approfondire tutti i singoli capitoli della piattaforma e una nuova riunione plenaria per il 2 Dicembre.