HomePrimo PianoCcnl Industria Alimentare. Mininni, “se la situazione non si sblocca saremo costretti...

Ccnl Industria Alimentare. Mininni, “se la situazione non si sblocca saremo costretti a proclamare lo sciopero”

Lo ha dichiarato il Segretario Generale della Flai Cgil in un lungo intervento di questa mattina su “Redattore Sociale”

Giovanni Mininni, Segretario Generale Flai Cgil, è intervenuto su “Redattore Sociale” in merito allo stop della trattativa per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale dell’industria alimentare, che, lo ricordiamo, interessa oltre 400 mila lavoratori.

“La trattativa è durata quasi 6 mesi – spiega Mininni – ma nonostante le enunciazioni che Federalimentare fa nei suoi convegni e che preannunciavano aperture su temi importanti, ci siamo trovati invece davanti ad un muro. In questi mesi siamo riusciti a definire alcune questioni come la sicurezza sul lavoro, dovendo rinunciare però a qualche nostra richiesta. Abbiamo definito qualcosa che riguarda gli appalti, la violenza di genere e il miglioramento di alcune norme, ma sul resto ci siamo trovati di fronte ad un muro” con l’aggravante che, la controparte datoriale, ha proposto limitazioni dei diritti dei lavoratori in merito alla malattia, permessi sindacali e flessibilità concordata. 

Federalimentare, ha ricordato il Segretario Generale della Flai Cgil, “non ha neppure voluto affrontare adeguatamente temi quali formazione, classificazione, comunità di sito, giovani e ricambio generazionale che, in un contratto di valenza quadriennale, dovrebbero avere grande importanza anche per il futuro delle imprese”. 

E sul tema del salario Mininni è stato molto chiaro, definendolo “un tema su cui ci siamo scontrati in maniera forte perché non si riconosce che, a detta dell’Istat e di altri importanti istituti, questo è tra i settori più performanti di oggi e che molto spesso traina l’export”.

In questi giorni i lavoratori del settore alimentare sono in stato di agitazione. “Abbiamo bloccato la flessibilità – spiega ancora Mininni su “Redattore Sociale” – e domani sarà già il terzo sabato che i lavoratori del settore alimentare non stanno lavorando. Inoltre, abbiamo bloccato lo straordinario. Se la situazione non si sblocca e se Federalimentare non ci richiama al tavolo, saremmo costretti a proclamare uno sciopero per la fine di marzo”.

 

PER LEGGERE INTEGRALMENTE INTERVENTO MININNI SU “REDATTORE SOCIALE” CLICCA QUI

Articoli correlati

Liberare il lavoro. Mininni al Fondo Nappo: oggi questo territorio sorride

  “Una lotta di civiltà contro la camorra, la mafia”, il segretario generale della Flai Giovanni Mininni non ha dubbi. “Quando decidi da che parte stare avverti la necessità di farlo con azioni concrete”. Flai...

Il 30 giugno al fondo agricolo “Nicola Nappo” di Scafati 

“Liberiamo il lavoro” è il titolo dell’iniziativa promossa da Flai Cgil e Alpaa in programma giovedì 30 giugno alle ore 17:30 all’interno del Fondo Agricolo “Nicola Nappo” di Scafati, bene confiscato alla criminalità organizzata.   Alla...

In piazza per il futuro – le nostre foto

In migliaia, arrivati a Roma da tutta Italia, per chiedere, pace, giustizi sociale, democrazia e lavoro. Lavoratrici e lavoratori, pensionati, studenti, migranti sabato mattina si sono dati appuntamento a piazza del Popolo per dire...

Lavoro. Esecutivo EFFAT elegge Andrea Coinu Vice Presidente

Questa mattina a Vienna, durante i lavori dell’esecutivo dell’EFFAT, è avvenuta l’elezione di Andrea Coinu della Flai Cgil nel ruolo di Vice Presidente del sindacato europeo dell’agroindustria e del turismo, che è andato a...

Pace, lavoro, giustizia sociale, democrazia camminano insieme. Roma 18 giugno

Per la pace. La condizione che stiamo attraversando è straordinaria: pandemia, guerra, nuovo paradigma digitale, ambientale ed energetico hanno travolto e messo in discussione tutto. Il momento delle scelte è adesso, e ha bisogno di una...