“Siamo qui per sollecitare il passaggio veloce alla Camera del Ddl 2217.  Il Governo ha annunciato in più occasioni che la questione caporalato è questione risolta e affrontata, in realtà sono partite le campagne di raccolta e non ci sono ad oggi strumenti legislativi adeguati per affrontare il grave fenomeno dello sfruttamento in agricoltura. Un fenomeno che colpisce tanti lavoratori e che è una vergogna per tutti”. Lo ha dichiarato Giovanni Mininni, Segretario Nazionale Flai Cgil, durante il presidio odierno per chiedere l’approvazione del Ddl 2217.

“Lo scorso agosto, dopo le drammatiche morti sui campi, sembrava che entro 15 giorni si sarebbe intervenuto ma così non è stato. Questo Ddl si sta perdendo nelle lungaggini dell’iter parlamentare e noi crediamo che non lo si possa permettere. Il Governo avrebbe dovuto dare una corsia preferenziale per questo provvedimento, come ha fatto per altre questioni, dal Job act al salvataggio delle banche. Noi avremmo voluto che oltre alle banche si salvassero anche i lavoratori dallo sfruttamento e dal caporalato in agricoltura.   Noi non molleremo la presa e siamo pronti a mettere in campo altre mobilitazioni se nei prossimi giorni il Ddl 2217 non arriverà alla Camera”.

[tabs style=”3″]

[tab title=”Rassegna stampa”]

Rassegna stampa – 20 Luglio 2016

[/tab]

[tab title=”Rassegna online”]

Webnews-24  Ansa
Webnews-24  Adnkronos
Webnews-24  AgenParl
Webnews-24  Rassegna
Webnews-24  Rassegna 2

[/tab]

[tab title=”Foto”]

[/tab]

[tab title=”Video”]

[/tab]

[/tabs]