HomePrimo PianoAumenti materie prime, Mininni: “Non è per la guerra, è speculazione”

Aumenti materie prime, Mininni: “Non è per la guerra, è speculazione”

Nel suo intervento al seminario “La filiera agroalimentare. Analisi e prospettive” a Roma all’hotel D’Azeglio, il segretario generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni, osserva subito come i dati dell’Istituto di servizi per il mercato agroalimentare, Ismea, dimostrino che la lettura mainstream dell’aumento dei prezzi dovuto alla guerra russo ucraina sia falsa e fuorviante. “Quando si parla di carenza di materia prima, andrebbe ricordato che, come ha giustamente sottolineato il ministro Patuanelli, stiamo ancora usando il grano dell’anno scorso. Non c’è un problema di quantità, per adesso, ma di speculazione”. L’aumento dei prezzi dei beni di prima necessità rischia di essere solo l’ultimo elemento di una ‘tempesta perfetta’, legata a doppio filo agli effetti della pandemia. “Dobbiamo utilizzare tutte le risorse necessarie per sostenere le lavoratrici, i lavoratori, e le aziende che l’aumento del costo delle materie prime hanno messo in gravissima difficoltà. I salari stessi hanno bisogno di essere sostenuti. Vanno bene gli aiuti che il governo Draghi ha stanziato, ma non bastano, in queste condizioni bisogna porre all’ordine del giorno uno scostamento di bilancio, anche su questo punto siamo in sintonia con il ministro dell’Agricoltura. Siamo di fronte al rischio concreto di perdere interi settori produttivi e di un ulteriore impoverimento delle famiglie”. I dati Ismea sono eloquenti. “La guerra russo ucraina peserà soprattutto sugli approvvigionamenti del grano nei paesi dell’Africa e del Medioriente. Gli effetti collaterali di questa ennesima emergenza coinvolgeranno anche l’Europa, che si troverà di fronte a nuove e imponenti migrazioni provocate dalla carestia e dalla fame. Il sindacato non può essere indifferente di fronte alla situazione che si sta prefigurando”. “L’Italia dovrà chiedere all’Europa anche uno sforzo straordinario per un nuovo PNRR a causa della crisi dovuta al conflitto russo-ucraino. Soprattutto se la guerra continuerà, e non si apriranno a breve spazi per la pace. L’Europa stessa non sarà in grado di resistere, in una prospettiva lunga, a una simile crisi”. Mininni ha affrontato anche il tema della rappresentanza per un comparto, delicato e complesso come quello dell’artigianato e delle piccole e medie imprese. Prima di lui era stato il segretario nazionale Andrea Gambillara a spiegare le difficoltà di un settore che riguarda moltissime realtà produttive, più di quante comunemente non si pensi. “Dobbiamo avere chiaro il valore del Contratto collettivo nazionale come strumento in grado di valorizzare il settore e dare risposte concrete alle lavoratrici e ai lavoratori”, chiude Mininni. Il convegno è stata un’occasione di confronto tra sindacati di categoria, rappresentanti dell’Ismea, di Cna Agroalimentare e Confartigianato alimentazione.

Articoli correlati

VI Rapporto agromafie e caporalato Osservatorio Placido Rizzotto, 29 novembre presentazione

L’economia sommersa e le infiltrazioni criminali; la filiera agroalimentare tra sfruttamento, caporalato ed ecoreati; le norme di contrasto allo sfruttamento e criticità nelle filiere agro-alimentari; la Rete del Lavoro agricolo di Qualità nel contrasto...

InFlai – Numero 2, novembre 2022

Il secondo numero di In Flai esce a pochi giorni dalla presentazione del Rapporto su Agromafie e Caporalato, in programma a Roma il prossimo 29 novembre. Si tratta del sesto studio realizzato dall'Osservatorio Placido Rizzotto...

Voucher in agricoltura. Mininni, scelta sbagliata si attaccano i diritti dei lavoratori più fragili e non si ritiene utile ascoltare il sindacato

“Il Governo ha annunciato che con la prossima manovra di bilancio intende “introdurre” l’utilizzo dei voucher in agricoltura. Ci teniamo innanzitutto a precisare che i cosiddetti voucher sono già previsti per i lavoratori agricoli...

Flai Cgil, sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano contro vecchie e nuove povertà

Un gesto di concreta solidarietà, quello della Flai Cgil che ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica, alla presenza del cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere di Papa Francesco, nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate...

Mininni: “Solo Stati Uniti e Israele insistono sul bloqueo. La Flai continuerà ad aiutare Cuba con azioni concrete”

“L’assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato a larga maggioranza e per la trentesima volta, il pesantissimo embargo imposto a Cuba dagli Usa - osserva il segretario generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni -...