HomePrimo PianoAssemblea donne Flai Cgil, Mininni: "Partiamo da noi, con il sogno di...

Assemblea donne Flai Cgil, Mininni: “Partiamo da noi, con il sogno di costruire un mondo migliore”

Al centro della discussione dell’Assemblea delle donne della Flai Cgil, al teatro Ambra Jovinelli, i risultati di una ricerca/questionario sottoposta a tutte le strutture del sindacato, per indagare, sia nell’area tecnica che in quella politica, le convinzioni più profonde e radicate rispetto alle differenze di genere nella vita privata e nell’attività professionale. L’obiettivo è quello di tracciare una ‘mappa’ di interventi, indispensabili per agevolare un dialogo schietto e senza incomprensioni di sorta fra uomini e donne. “Partiamo da noi, donne e uomini della Flai – spiega il segretario generale Giovanni Mininni – con i nostri limiti, i nostri difetti, ma anche con la nostra passione, le nostre speranze, le nostre tenerezze e il sogno di costruire un mondo migliore”. 

L’assemblea è stata aperta dalla giornalista afghana Mariam Barak, una testimonianza toccante di un oggi insopportabile e violento per donne private di qualsiasi diritto, possibilità. “La tragedia dell’Afghanistan è emblematica, ci dice quanta fatica bisogna fare per consolidare le conquiste democratiche nella società – dice subito Mininni – quanto basti poco tempo per stravolgere tutto e ritornare anni e anni indietro, senza più avere una speranza”. “Una tragedia – prosegue il segretario della Flai Cgil – che non ci parla solo dell’oscurantismo dei talebani e della loro arretratezza culturale, ma anche dell’arroganza di noi occidentali che con la presunzione di esportare la democrazia abbiamo fatto un grande disastro. Soldi spesi male per garantire i nostri interessi e nessuna attenzione e cura a consolidare quei germogli di democrazia e di società dei diritti che pure avevano iniziato a svilupparsi in questi venti anni”. Per Mininni “potremmo assumere un impegno: nelle prossime assemblee delle donne ci sarà sempre spazio per denunce di situazioni che si verificano nel mondo, e che dimostrano come purtroppo le donne siano sempre tra le prime a pagare il prezzo più duro di crisi, di disastri molto spesso dovuti a un sistema di potere patriarcale e capitalistico che permea l’intero pianeta” . 

“Troppo spesso diamo per scontato che al nostro interno non si possa verificare nulla di strano nelle dinamiche di potere tra uomo e donna – riflette Mininni – Che in mezzo a noi il modello patriarcale non si insinui e che tutto sia sotto controllo. Sarebbe il caso di cominciare a riflettere sul fatto che non possiamo più affrontare questi temi lasciandoli alle compagne, ma dobbiamo farlo diventare patrimonio comune dell’organizzazione. Gli uomini devono prendere la parola ed assumersi la responsabilità, riflettendo sul proprio mondo di essere, sul linguaggio e sull’esercizio del potere, non solo verso le compagne ma anche nella Flai e verso l’esterno”. 

Il segretario della Flai non ha dubbi: “La violenza sulle donne nella società interroga tutti noi. I femminicidi si susseguono inesorabilmente, e sembra impossibile fermarli. Questa cosa ci riguarda, riguarda noi uomini, la nostra cultura patriarcale che apprendiamo fin da bambini, e spesso inconsapevolmente ci portiamo dietro nei rapporti che costruiamo con le nostre compagne, nelle nostre famiglie, con le colleghe di lavoro”. 

Mininni conclude il suo intervento citando due donne protagoniste della storia del sindacato dell’agroindustria fin dalle sue origini. “La Flai è una grande categoria di donne, da Argentina Altobelli, prima segretaria di Federterra – di cui quest’anno celebreremo il centoventesimo anniversario – a Donatella Turtura, segretaria di Federbraccianti negli intensi anni Settanta”.

Articoli correlati

Liberare il lavoro. Mininni al Fondo Nappo: oggi questo territorio sorride

  “Una lotta di civiltà contro la camorra, la mafia”, il segretario generale della Flai Giovanni Mininni non ha dubbi. “Quando decidi da che parte stare avverti la necessità di farlo con azioni concrete”. Flai...

Il 30 giugno al fondo agricolo “Nicola Nappo” di Scafati 

“Liberiamo il lavoro” è il titolo dell’iniziativa promossa da Flai Cgil e Alpaa in programma giovedì 30 giugno alle ore 17:30 all’interno del Fondo Agricolo “Nicola Nappo” di Scafati, bene confiscato alla criminalità organizzata.   Alla...

In piazza per il futuro – le nostre foto

In migliaia, arrivati a Roma da tutta Italia, per chiedere, pace, giustizi sociale, democrazia e lavoro. Lavoratrici e lavoratori, pensionati, studenti, migranti sabato mattina si sono dati appuntamento a piazza del Popolo per dire...

Lavoro. Esecutivo EFFAT elegge Andrea Coinu Vice Presidente

Questa mattina a Vienna, durante i lavori dell’esecutivo dell’EFFAT, è avvenuta l’elezione di Andrea Coinu della Flai Cgil nel ruolo di Vice Presidente del sindacato europeo dell’agroindustria e del turismo, che è andato a...

Pace, lavoro, giustizia sociale, democrazia camminano insieme. Roma 18 giugno

Per la pace. La condizione che stiamo attraversando è straordinaria: pandemia, guerra, nuovo paradigma digitale, ambientale ed energetico hanno travolto e messo in discussione tutto. Il momento delle scelte è adesso, e ha bisogno di una...