HomePrimo PianoAncora un incendio a Borgo Mezzanone. Mininni, intervenire su accoglienza e applicare...

Ancora un incendio a Borgo Mezzanone. Mininni, intervenire su accoglienza e applicare pienamente Legge 199

“Brucia ancora Borgo Mezzanone, sabato nel ghetto del foggiano dove vivono circa 1500 lavoratori migranti le fiamme sono divampate distruggendo diverse baracche. Questa volta, fortunatamente, non ci sono stati feriti o vittime, ma rimane la rabbia e l’indignazione per la condizione in cui sono costrette a vivere numerose persone. Non posso essere agglomerati di fortuna i luoghi in cui accogliere chi viene a lavorare nel nostro Paese. Questi ghetti non sono più tollerabili, vanno trovate soluzioni abitative dignitose e in tempi brevi. Anche la Legge 199/2016 affronta il nodo dell’accoglienza, come premessa per far vivere i lavoratori in condizioni di sicurezza e di non ricattabilità; il problema è che rimane del tutto inapplicata proprio laddove dovrebbe servire per affrontare le questioni relative all’accoglienza, al collocamento e alle misure preventive. Su questo chiediamo che si inizi ad agire con determinazione”. Lo dichiara Giovanni Mininni, Segretario generale Flai Cgil.

“Brucia ancora Borgo Mezzanone, sabato nel ghetto del foggiano dove vivono circa 1500 lavoratori migranti le fiamme sono divampate distruggendo diverse baracche. Questa volta, fortunatamente, non ci sono stati feriti o vittime, ma rimane la rabbia e l’indignazione per la condizione in cui sono costrette a vivere numerose persone. Non posso essere agglomerati di fortuna i luoghi in cui accogliere chi viene a lavorare nel nostro Paese. Questi ghetti non sono più tollerabili, vanno trovate soluzioni abitative dignitose e in tempi brevi. Anche la Legge 199/2016 affronta il nodo dell’accoglienza, come premessa per far vivere i lavoratori in condizioni di sicurezza e di non ricattabilità; il problema è che rimane del tutto inapplicata proprio laddove dovrebbe servire per affrontare le questioni relative all’accoglienza, al collocamento e alle misure preventive. Su questo chiediamo che si inizi ad agire con determinazione”. Lo dichiara Giovanni Mininni, Segretario generale Flai Cgil.

Articoli correlati

VI Rapporto agromafie e caporalato Osservatorio Placido Rizzotto, 29 novembre presentazione

L’economia sommersa e le infiltrazioni criminali; la filiera agroalimentare tra sfruttamento, caporalato ed ecoreati; le norme di contrasto allo sfruttamento e criticità nelle filiere agro-alimentari; la Rete del Lavoro agricolo di Qualità nel contrasto...

InFlai – Numero 2, novembre 2022

Il secondo numero di In Flai esce a pochi giorni dalla presentazione del Rapporto su Agromafie e Caporalato, in programma a Roma il prossimo 29 novembre. Si tratta del sesto studio realizzato dall'Osservatorio Placido Rizzotto...

Voucher in agricoltura. Mininni, scelta sbagliata si attaccano i diritti dei lavoratori più fragili e non si ritiene utile ascoltare il sindacato

“Il Governo ha annunciato che con la prossima manovra di bilancio intende “introdurre” l’utilizzo dei voucher in agricoltura. Ci teniamo innanzitutto a precisare che i cosiddetti voucher sono già previsti per i lavoratori agricoli...

Flai Cgil, sei tonnellate di generi alimentari al Vaticano contro vecchie e nuove povertà

Un gesto di concreta solidarietà, quello della Flai Cgil che ha consegnato alla Pontificia Elemosineria Apostolica, alla presenza del cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere di Papa Francesco, nove bancali di generi alimentari (legumi, pasta, passate...

Mininni: “Solo Stati Uniti e Israele insistono sul bloqueo. La Flai continuerà ad aiutare Cuba con azioni concrete”

“L’assemblea generale delle Nazioni Unite ha condannato a larga maggioranza e per la trentesima volta, il pesantissimo embargo imposto a Cuba dagli Usa - osserva il segretario generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni -...