Anche la Flai in piazza contro l’insicurezza sul lavoro 

Mezzo paese si è fermato, almeno per quattro ore, nel giorno dello sciopero contro l’insicurezza sul lavoro deciso da Cgil e Uil dopo le ripetute stragi operaie che continuano a insanguinare la penisola. Anche il comparto dell’agroindustria ha incrociato le braccia denunciando che un modello di sviluppo e di organizzazione del lavoro che ferisce e uccide non è tollerabile. Le adesioni allo sciopero sono state più che significative. Alcuni numeri: alla Sammontana di Empoli si è fermato il 97 % degli addetti, il 100% alla Veronesi prosciutti di Parma, il 75% in Agricola Tre Valli, 90% in Parmalat, 90% anche alla Heins nel Lazio, l’80% in Piemonte, alla Lavazza. In piazza con le nostre bandiere e inostri slogan perché non si può essere spettatori, complici di una realtà in cui ogni anno più di 1200 donne e uomini escono la mattina per andare a lavoro e purtroppo la sera non tornano dai propri cari. Il lavoro deve essere sicuro, dignitoso, con diritti e tutele adeguate. E deve essere pagato decentemente. Adesso basta.   

Articoli correlati

Premio Jerry Masslo 2024, il programma delle tre giornate

La Flai Cgil nazionale presenta il programma definitivo della nuova edizione del Premio Jerry Masslo 2024, che si svolgerà il 29, 30 e 31...

“Le destre avanzano riducendo gli spazi democratici”

L’intervento sui fascismi al comitato esecutivo dello Iuf, a Losanna, del responsabile politiche internazionali della Flai Cgil, Andrea Coinu Non riteniamo ci sia un rischio...

Sindacato di strada anche per i quattro referendum

Assemblee in ogni posto di lavoro lungo la penisola, perché il lavoro è un bene comune Ciao ciao jobs act, precarietà, licenziamenti facili, appalti che...