A Bologna 24 e 25 novembre per i 120 anni di Federterra

Passato e presente in un gioco di specchi nel segno dei diritti e delle tutele, contro lo sfruttamento di ieri e di oggi.

Una ricorrenza che abbraccia un secolo e guarda al futuro. Flai Cgil dà appuntamento a Bologna, il 24 e il 25 novembre, per celebrare i 120anni dalla nascita della Federterra, la Federazione nazionale dei lavoratori della terra, che fu costituita proprio nella città felsinea in quei due giorni del 1901. All’alba di un secolo che avrebbe visto il movimento dei lavoratori diventare ancora più forte, nonostante le repressioni del ventennio fascista. Federterra fu una delle prime organizzazioni sindacali, vi confluirono le cooperative di braccianti salariati, le leghe di miglioramento e resistenza, le cooperative fra lavoratori della terra, i mezzadri, i piccoli affittuari,  e perfino i piccoli proprietari. ‘United  we stand’, uniti resistiamo: la parola d’ordine che era delle Unions inglesi, veniva raccolta anche da Federterra, che naturalmente fu combattuta e poi soppressa dal regime mussoliniano. Ma quella terra era e restava fertile, così il 23 marzo del 1944, a guerra ancora in corso, Federterra si ricostituì a Bari. Per poi  trasformarsi, due anni dopo, in un paese liberato dal nazifascismo, nella Confederazione generale dei lavoratori della terra, la Confederterra che subito aderì alla Cgil. Un cammino che parte da lontano fino ad arrivare alla Flai Cgil che conosciamo.

Nelle due giornate i temi del passato incroceranno le battaglie e le rivendicazioni di oggi, in un dialogo continuo tessuto con il filo rosso dei diritti e delle tutele conquistati, anche a costo della vita, da chi la terra la lavorava, la coltivava, la viveva, stagione dopo stagione. La storia dell’Italia contemporanea è anche la storia dell’emancipazione dei contadini dal latifondo improduttivo, e delle riforme – sempre contrastate dai proprietari terrieri – che miravano ad assicurare un po’ più di giustizia sociale. Racconti sindacali e politici, che rivivranno a Bologna nel palazzo Re Enzo, con incursioni in un passato pronto a tornare presente.

Dai temi della rappresentanza a quelli della sicurezza, passando per il protagonismo delle donne, le emigrazioni e il lavoro agricolo, gli argomenti in discussione non mancano, con contributi di ospiti importanti. La due giorni sarà aperta da Giovanni Mininni, segretario generale Flai Cgil; interverranno: Emanuele Bernardi, Storico – Università La Sapienza di Roma; Silvia Bianciardi, Storica – Università telematica e-Campus; Alessandra Corrado, Sociologa – Università della Calabria; Valerio Evangelisti, Scrittore; Adriano Prosperi, Storico – Scuola Normale di Pisa; Carlo Buttaroni, Sociologo – Presidente di Tecné; Teresa Del Giudice, Economista – Università Federico II di Napoli; Davide Fiatti – segretario nazionale Flai Cgil; Rossano Pazzagli, Storico – Università del Molise – Istituto A. Cervi; concluderà i lavori Maurizio Landini, segretario generale Cgil. A moderare i dibattiti saranno Antonella De Marco della Flai nazionale e Simona Maggiorelli, Direttrice di Left.

Articoli correlati

Industria alimentare, siglato rinnovo Ccnl 2023-2027

È stato firmato all’alba il rinnovo del contratto nazionale dell’industria alimentare 2023-2027 tra Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil e le associazioni delle imprese del settore. Lo rendono...

Ccnl industria alimentare, trattative anche notturne

Nel giorno in cui la Confederazione lancia i referendum sul lavoro, vanno avanti a oltranza le trattative per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale...

Premio Jerry Masslo 2024, il bando e le modalità di partecipazione

La Flai Cgil annuncia la VI edizione del "Premio Jerry Masslo", che si svolgerà il 29, 30, 31 maggio prossimi. L’edizione 2024 del Premio...