25 aprile, in piazza per la festa più bella

La festa più bella, quella della riconquistata libertà dopo gli orrori del nazifascismo. Riempiamo le piazze di tutto il paese, per dire che la storia non si cambia. Antifascismo significa libertà e democrazia, significa una Costituzione fondata sul lavoro che nasce dalla lotta di Liberazione delle italiane e degli italiani scesi in campo per sconfiggere nazismo e fascismo. La storia non si cambia, come non si cambia il divieto, scritto nella Carta fondamentale della Repubblica, di ricostruire il partito fascista. Siamo tornati liberi grazie a chi ha donato la vita per ridare a tutti democrazia e libertà. Donne e uomini di ogni età e condizione sociale, tante bandiere e tanti colori, il tricolore nazionale, il rosso della Cgil, l’arcobaleno emblema dell’Arci, i labari dell’Associazione nazionale partigiani, ricordando le parole di Gino Strada: “Il 25 aprile è questo, tenere accesa la speranza, per un mondo più giusto e più uguale”.  

Articoli correlati

Ccnl industria alimentare, trattative anche notturne

Nel giorno in cui la Confederazione lancia i referendum sul lavoro, vanno avanti a oltranza le trattative per il rinnovo del Contratto collettivo nazionale...

Basta guerre, in piazza per il cessate il fuoco

Giornata di mobilitazione nazionale per chiedere il cessate il fuoco, in tutte le guerre che appestano il pianeta, a cominciare da quella in Ucraina...

Premio Jerry Masslo 2024, il bando e le modalità di partecipazione

La Flai Cgil annuncia la VI edizione del "Premio Jerry Masslo", che si svolgerà il 29, 30, 31 maggio prossimi. L’edizione 2024 del Premio...