Trattori, Russo Flai Cgil Sicilia: “Tutele per i produttori, ma non a discapito della salute dei consumatori e dell’ambiente”

“La transizione ecologica è un processo inevitabile, ci vuole un  nuovo modello di produzione”

“Gli agricoltori vanno sostenuti ma non al prezzo della salute dei consumatori e di una battuta di arresto della transizione ecologica. Il settore, al contrario, ha bisogno di innovazione, di investimenti per un nuovo modello di produzione agricola che ne consenta il rilancio. Se il sistema resterà ingessato su un modello insostenibile i primi a pagarne il prezzo e in breve saranno gli agricoltori stessi e i lavoratori”. Lo sostiene Tonino Russo, segretario generale della Flai Cgil Sicilia, a proposito della protesta degli agricoltori. “Il problema dei prezzi, delle difficoltà economiche di una categoria stretta tra bassi redditi, concorrenza estera e costi di produzione elevati – afferma Russo – è reale. Ma la soluzione non è bloccare il green deal, perché i cambiamenti climatici sono un fatto altrettanto reale e la transizione è un processo inevitabile, qualunque altra cosa ha il fiato corto. L’innovazione – sottolinea il segretario della Flai Sicilia – deve essere accompagnata da misure di tutela dei piccoli produttori e dei lavoratori di un settore che sconta ancora insostenibili sacche di sfruttamento del lavoro”. Russo richiama i problemi ancora presenti in Sicilia, “come quelli delle reti irrigue”, e “lo spreco che si è fatto delle risorse del Piano di sviluppo rurale”, quindi “le responsabilità del governo della regione, che richiamiamo – dice – a esercitare il suo ruolo, cambiando rotta e passo, per il rilancio dell’agricoltura siciliana”. Russo sottolinea “l’incredibile approccio pre-elettorale del governo Meloni rispetto a una protesta che solleva e ha sullo sfondo problemi reali”. “Noi riteniamo che l’agricoltura  vada sostenuta e che questo vada fatto a tutti i livelli – europeo, nazionale, regionale –  cosa che di fatto non è finora avvenuta. Si cambi dunque rotta – conclude Russo – dando risposte a questo fondamentale settore ma non a discapito della salute e dell’ambiente”.

Articoli correlati

Brigate del lavoro in Capitanata percorsi già 10mila chilometri

Il 25 luglio posa di una pietra in località Ripalta, in memoria dell’incidente stradale del 6 agosto 2018. Venerdì manifestazione a Manfredonia Continua il percorso...

Modena, Brigate del lavoro Flai Cgil in campo contro sfruttamento, caporalato e colpi di carole

E’ partita in questi giorni la campagna delle Brigate del lavoro della Flai Cgil di Modena che vede sindacalisti, delegati e delegate, girare per...

Ostuni, ennesima tragedia sul lavoro, muore operaio forestale

Flai, Fai e Uila Brindisi: “Quante lacrime ancora, quanta sofferenza e disperazione prima di scrivere la parola fine?” Un operaio Arif (Agenzia regionale attività irrigue...