Sapori Veri Teramo, cronaca di un licenziamento annunciato, e ritorsivo

Licenziata è stata reintegrata dal Tribunale del Lavoro e nuovamente cacciata dopo appena 4mesi

“È l’ennesima vicenda di realtà lavorative del nostro territorio ove non solo non hanno ingresso le rappresentanze sindacali – fortemente osteggiate – ma addirittura la stessa legge dello Stato stenta a trovare cittadinanza”, denuncia Cristiana Bianucci, segretaria generale della Flai Cgil di Teramo. La signora Emanuela Lattanzi, dipendente da circa 20 anni dall’azienda dolciaria Sapori Veri s.r.l., era stata licenziata nell’ottobre 2021 con l’accusa di aver simulato una malattia, atteggiamento ritenuto grave e quindi meritevole di licenziamento in quanto aggravato da presunti comportamenti pregressi della dipendente, che si sarebbe recata più volte al lavoro con ‘trucco eccessivo’ rispetto ai regolamenti dell’azienda. 

La lavoratrice, rappresentata dagli avvocati Antonella Scipioni e Roberto Conte, aveva fatto ricorso una prima volta al Giudice del Lavoro, che aveva annullato il licenziamento per assoluta insussistenza dei fatti contestati con ordinanza in data 9.03.2023, cui aveva fatto seguito l’immediata offerta della prestazione lavorativa. “La lavoratrice tuttavia – continua Bianucci – veniva riammessa a lavoro solo a decorrere dal 20 marzo 2023, e non appena ripreso il servizio veniva subito presa di mira dal datore di lavoro che tentava di farle sottoscrivere un contratto contenente una significativa riduzione dello stipendio e la previsione delle così dette ‘clausole elastiche’, che non possono essere applicate se non con il pieno e libero consenso del lavoratore. Questo tentativo datoriale non è andato a buon fine solo grazie all’intervento degli avvocati, che hanno preteso l’esatta esecuzione dell’ordine del Tribunale”. 

La ritorsione dell’azienda non ha tardato a manifestarsi. “Non appena reintegrata per ordine del Giudice, la lavoratrice è stata destinata alla costruzione degli imballaggi mentre prima era adibita al reparto produzione dei dolci, adibita a turni di lavoro diversi da quelli assegnati prima del licenziamento, e dislocata a compiere le proprie mansioni in pressoché totale solitudine. Inoltre la stessa è stata quasi giornalmente oggetto di ispezioni personali, mirate esclusivamente nei suoi confronti, mentre era intenta a svolgere le proprie mansioni ed è stata costretta, sul posto, ad interrompere il lavoro e sfilare i guanti per essere sottoposta a capillari ispezioni delle mani e del viso. A tali ispezioni hanno fatto seguito ripetute contestazioni disciplinari per ‘trucco eccessivo’, nonostante la lavoratrice, avvisata dai propri legali, sia stata molto attenta a non indossare alcuna forma di trucco”. 

Come era prevedibile alle contestazioni sono seguite le sanzioni della sospensione, e successivamente un nuovo licenziamento. “La signora L. anche questa volta tutelerà i propri diritti nelle sedi giudiziali – conclude Bianucci – ma ciò che appare inquietante è che in una società che ha l’ambizione di chiamarsi moderna e la pretesa di essere culla di garanzie appartenenti al cosiddetto Stato di diritto, possano sopravvivere certe realtà in cui i rapporti tra ‘padrone’ e lavoratore, considerato alla stregua di servitore, evocano tratti medievali”.

Alla lavoratrice va la solidarietà e il sostegno di tutti i lavoratori e di tutte le lavoratrici della Flai e della Cgil. Alle lavoratrici e ai lavoratori di Sapori Veri, l’esortazione a non lasciar prevalere il timore e a rivolgersi con fiducia al sindacato affinché non prevalga la logica del bastonarne uno per educarne cento.

Articoli correlati

Foggia, sciopero e sit-in al Pastificio Tamma 

Flai Cgil: “Non ci sono state risposte adeguate ai tanti problemi sollevati” Stato di agitazione con sciopero di due ore e presidio al Pastificio Tamma...

Caserta, presi a cinghiate nei campi di pomodoro

Al lavoro 11 ore per 40 euro. Divieti dimora per 4 imprenditori. Della Corte, Flai Cgil: "Non sono tollerabili tali atteggiamenti di umiliazione e...

M’illumino di meno, adesione della Flai Cgil Roma e Lazio con attività a “impatto zero”

La Flai Cgil Roma e Lazio, il sindacato che tutela lavoratrici e lavoratori del settore agroalimentare, ha aderito alla iniziativa “M’illumino di meno 2024”,...