Piemonte, siglato l’accordo per il nuovo Contratto integrativo regionale per i lavoratori operai e impiegati forestali

Firmato con ampia soddisfazione di Regione Piemonte e FAI CISL-FLAI CGIL-UILA UIL, un accordo che completa un percorso di valorizzazione del ruolo di questi lavoratori

La Regione Piemonte, d’intesa con le OO.SS FAI, FLAI, UILA, ha deciso di intervenire in maniera sostanziale sull’articolazione del comparto che si occupa di lavori di sistemazione idraulico-forestale e idraulico-agraria. Azioni che, seppur diversificate, hanno l’unico obiettivo di rendere maggiormente efficiente il servizio anche grazie ad un riconoscimento anche normativo della figura dell’operaio forestale parificandolo ad un dipendente regionale pur mantenendo le sue specificità.

In questo senso si devono leggere le norme che riconoscono un’indennità, una tantum, di 700 euro ciascuno per contrastare l’inflazione così come ricevuto dai dipendenti regionali nel 2023 e la sottoscrizione del nuovo contratto che prevede istituti simili. Vi sarà, inoltre, un migliore riconoscimento delle specifiche professionalità dei forestali, legato ad un aumento salariale che riconosce la peculiarità del loro lavoro, ed otto ore di permesso retribuito. La decorrenza salariale ha decorrenza 1 gennaio 2023 con il riconoscimento degli degli arretrati.

Contestualmente per potenziare ulteriormente le attività sul territorio, è stato predisposto un forte rinnovo del parco mezzi ed attrezzature forestali: sono in consegna 19 pick-up e 12 autocarri che si aggiungono ai 3 autocarri consegnati di recente, mentre è in fase di perfezionamento l’acquisto di ulteriori macchine movimento terra, trattori ed attrezzature.

Il quadro si completa con la stabilizzazione di tutti 97 gli operai forestali attualmente a tempo determinato, dei quali il 60% full time da subito e il rimanente 40% progressivamente nell’arco di vigenza del CIR, a testimoniare l’importanza del lavoro fatto dalle OO:SS e la Regione Piemonte, per l’eliminazione del lavoro precario. Iniziativa resa possibile grazie ad uno stanziamento straordinario di 1,5 mln di euro, consolidato nel bilancio di previsione triennale 24/26, che segna una “ prima volta” nella storia della Regione Piemonte.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti sia per il metodo di confronto serio e collaborativo con le Organizzazioni Sindacali sia per il balzo in avanti che facciamo in materia di prevenzione del dissesto idrogeologico e cura del territorio, investendo sui nostri dipendenti e facendoli sentire parte fondamentale della squadra regionale”, affermano il Presidente Cirio e l’Assessore alla Difesa del suolo Gabusi “FAI FLAI UILA rispettivamente rappresentate dai Segretari: Franco Ferria, Denis Vayr, Giuseppe Meineri, esprimono soddisfazione per l’intesa raggiunta, le stabilizzazioni, le nuove assunzioni faranno salire il numero degli addetti forestali, rendendo gli organici più corrispondenti alle reali esigenze di una Regione con un patrimonio boschivo importante come quello piemontese. L’aumento economico per il solo biennio, che dovrà essere integrato alla scadenza dei 2 anni. Il riconoscimento dei ruoli specifici a partire da quello del capo squadra. L’aumento del valore del ticket pasto e il riconoscimento delle professionalità, ci rendono orgogliosi del risultato del lavoro svolto”.

Articoli correlati

Stornara, muore lavoratore agricolo, Flai Cgil: “Fermiamo la strage”

Gagliardi: “Nel 2023 in Puglia 2.224 denunce di infortunio e 16 incidenti mortali in agricoltura. Poche le ispezioni e nel 56% dei casi sono...

Mosciano, sabato 8 ore di sciopero con presidio all’Amadori in ricordo di Gaetano Mastroieni

Fai, Flai e Uila: “Per rispetto di tutti coloro che ogni giorno escono da casa per andare al lavoro e non fanno ritorno diciamo...

Reggio Emilia, sportelli antiviolenza nelle aziende

Anche quest’anno la Flai Cgil farà una donazione a Nondasola. Ai caseifici Garanterre (ex Parmareggio) la prima di una lunga serie di assemblee La Flai...