Ortofrutta trentino, vittoria sindacale, più 11% in busta paga per 1.800 lavoratori

È bastato il primo dei 2 giorni di sciopero per dare la svolta alla trattativa. Sabato si torna nei magazzini. Flai Cgil e Fai Cisl: «Grande prova di coesione del settore con adesione oltre il 90%»

La notizia è arrivata alle 17 di oggi ed è giunta al termine di una giornata in cui le sigle sindacali, Flai Cgil e Fai Cisl, sono state convocate d’urgenza nella sede della Federazione delle cooperative: per imprimere una forte accelerazione alla trattativa sul rinnovo del contratto del settore ortofrutta. La riunione è infatti iniziata questa mattina alle 11 ed è proseguita a più riprese, con sospensioni e riavvi della seduta.

In numeri: le parti si sono accordate per l’11% di aumento salariale sui minimi tabellari (ovvero la parte fissa). Il 5% è attivo fin da subito, anzi vale retroattivamente fin dal primo gennaio scorso: sono dunque in arrivo, sulla prossima busta paga, anche 5 mesi di arretrati. Un ulteriore 3% scatterà col primo gennaio 2025, quindi un altro 2% a gennaio 2026 e l’1% a gennaio 2027. La novità riguarda circa 1800 lavoratori di Melinda, La Trentina, Sft, Sant’Orsola e CIO.

Già in programma martedì prossimo, inoltre, una nuova seduta per la prosecuzione della trattativa, che riguarda i punti ancora in sospeso: previdenza complementare e premio di risultato.

Con la firma di questo pomeriggio, viene revocato lo sciopero di domani: come si ricorderà lo stop al lavoro doveva riguardare la giornata di oggi e quella di sabato; resta comunque aperto lo stato di agitazione proclamato nelle scorse settimane, che comporta il blocco del lavoro straordinario e della flessibilità.

Esultano i sindacati, con la segretaria generale di Flai Cgil, Elisa Cattani, assieme a Orietta Menapace e la segretaria generale di Fai Cisl, Katia Negri, assieme a Rosario Casillo. «Fin dal mattino, delegate e delegati delle varie sedi dell’ortofrutta trentino hanno cominciato a inviarci le foto dei parcheggi dei magazzini sui quali oggi, letteralmente, si sarebbe potuto giocare a calcio o organizzare una festa campestre: aziende totalmente ferme con adesione allo sciopero che è andata ben oltre il 90% e ha dunque confermato il voto registrato nelle assemblee di cui si è riferito nei giorni scorsi.

Una adesione così massiccia e convinta è stata la base dello sveltimento della trattativa. Manifesta inoltre una fortissima coesione all’interno del comparto ortofrutta. Si ricordano, difatti, solo 2 mobilitazioni oltre a questa: uno sciopero oltre vent’anni fa per ottenere il riconoscimento del “gruppo storico” – per un settore fortemente caratterizzato da stagionalità e tempi determinati – e una più recente mobilitazione – con presidio – per le disoccupazioni agricole.

Il fatto che questo sciopero, organizzato a lustri di distanza da quello citato prima, abbia registrato una tale adesione ci restituisce un quadro di coesione e determinazione di lavoratrici e lavoratori. Abbiamo ottenuto un grande risultato in termini di adesioni e di mobilitazione e, è chiaro, quando i lavoratori sono uniti i risultati arrivano e arrivano rapidamente. Un plauso dunque a chi ha saputo cogliere l’importanza di questa giornata».

Articoli correlati

Flai, Legacoop e Cidas firmano a Ferrara il Protocollo contro lo sfruttamento in agricoltura

L’iniziativa si sviluppa nell’ambito della più ampia Rete del lavoro agricolo di qualità, che coinvolge istituzioni ed enti impegnati nel contrasto a fenomeni di...

Rinnovo Rsu Atisale Spa di Margherita di Savoia, una conferma per la Flai Cgil

Si sono appena concluse le operazioni di spoglio per l’elezione della rappresentanza sindacale unitaria nell’azienda Atisale S.p.a. stabilimento pugliese di Margherita di Savoia, che...

Flai Puglia: “Arretra il lavoro agricolo di qualità”

Gagliardi: “Quasi 200 imprese cancellate dalla Rete del lavoro agricolo di qualità. Le associazioni datoriali sono interessate a contrastare il dumping salariale?” Alle aziende agricole...