Ortofrutta trentino, aumenti del 13%: 11+2 tra parte fissa e variabile

Ora si dovrà lavorare agli integrativi aziendali con Melinda, Sft, La Trentina, Sant’Orsola e CIO. Ok ai 3 minuti di tempo tuta, cresce anche la contribuzione per la previdenza complementare

Martedì sera (21 maggio), dopo una giornata di incessanti trattative si è chiuso – in Federazione della Cooperazione – l’incontro per il rinnovo del contratto degli operai ortofrutticoli: settore che, in Trentino, occupa circa 1.800 persone. Decisiva è stata la presenza della delegazione trattante, composta da tutte le delegate e i delegati del comparto.

Dal tavolo era emersa, fin dalle prime battute, una novità che le organizzazioni sindacali chiedevano già da due rinnovi prima di quello in atto: parliamo della proposta di definire alcuni aspetti – sia economici che normativi – in contratti di secondo livello. Si tratterà dunque di veri e propri integrativi aziendali, che andranno discussi in separata sede nelle varie ‘op’ (organizzazioni di produttori) ovvero Melinda, Sft, La Trentina, Sant’Orsola e CIO.

Ad esempio, stabilito con la contrattazione primaria che il tempo tuta è di 3 minuti per ogni giorno di presenza, sarà oggetto di singole contrattazioni come riconoscere questo istituto: potrà infatti divenire liquidazione a fine mese, accantonamento in banca delle ore, recupero nell’ambito della giornata o della settimana.

Per quanto riguarda la previdenza complementare, piccolo ma significativo aumento nella contribuzione a carico del datore di lavoro: al Laborfonds sarà versato l’1,6% rispetto all’1,5% attuale.

Tema delicato era anche quello della premialità, ovvero la parte variabile della retribuzione. Si è confermato il già presente più 2% sulla contrattazione di primo livello, come da sempre richiesto dai sindacati, e si è previsto anche un ulteriore 2% da normare, quest’ultimo, a livello di contrattazione di secondo livello.

Il risultato di martedì è arrivato grazie al forte impegno di Flai Cgil con la segretaria generale Elisa Cattani assieme alla funzionaria “storica” del settore: Orietta Menapace, che ha messo al servizio del comparto tutta la sua esperienza e le sue capacità. Al tavolo, Flai Cgil si è coordinata anche con Fai Cisl.

Come spiega Elisa Cattani: «Enorme è la soddisfazione di lavoratrici e lavoratori, oltre che di tutta la Flai Cgil, non solo per il risultato contrattuale, ma anche per la così massiccia adesione allo sciopero, cui hanno partecipato più del 90% dei lavoratori e lavoratrici. Uno sciopero che arrivava a distanza di ben 15 anni dall’ultima mobilitazione del settore. Voglio quindi indirizzare un plauso a tutte le persone che hanno deciso di essere protagoniste di questa fase: hanno capito che in questi frangenti essere uniti e coesi, mostrandosi decisi nelle ragioni sostenute, avrebbe fatto la differenza. E così è stato».

Come si ricorderà, questa ultima e decisiva seduta faceva seguito alla vittoria sindacale registrata venerdì 17 maggio quando, con lo sciopero in corso, i sindacati erano stati convocati d’urgenza e avevano ottenuto i primi importanti risultati, col più 11% di aumento salariale sui minimi tabellari (ovvero la parte fissa), di cui il 5% attivo fin da gennaio 2024; un ulteriore 3% col primo gennaio 2025, quindi un altro 2% a gennaio 2026 e l’1% a gennaio 2027.

Articoli correlati

Flai, Legacoop e Cidas firmano a Ferrara il Protocollo contro lo sfruttamento in agricoltura

L’iniziativa si sviluppa nell’ambito della più ampia Rete del lavoro agricolo di qualità, che coinvolge istituzioni ed enti impegnati nel contrasto a fenomeni di...

Rinnovo Rsu Atisale Spa di Margherita di Savoia, una conferma per la Flai Cgil

Si sono appena concluse le operazioni di spoglio per l’elezione della rappresentanza sindacale unitaria nell’azienda Atisale S.p.a. stabilimento pugliese di Margherita di Savoia, che...

Flai Puglia: “Arretra il lavoro agricolo di qualità”

Gagliardi: “Quasi 200 imprese cancellate dalla Rete del lavoro agricolo di qualità. Le associazioni datoriali sono interessate a contrastare il dumping salariale?” Alle aziende agricole...