La Flai Cgil piange Jorge, operaio mugellano, ennesima vittima sul lavoro

L’operaio di un’azienda agricola di Barberino di Mugello, 63 anni, è morto ieri per i traumi riportati in un incidente sul lavoro. L’uomo è stato travolto da una miscelatrice di concimi in transito all’interno della proprietà della ditta di cui era dipendente, un allevamento di bovini a Galliano. La vittima, di origine colombiana, era da tempo residente nel Mugello. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 e il personale della prevenzione contro gli infortuni sul lavoro della Asl. Le indagini sono affidate ai carabinieri. L’ennesima morte sul lavoro, l’ennesima tragedia che dimostra quanto sia necessario aumentare il livello di sicurezza all’interno dei luoghi di lavoro. La Flai Cgil di Firenze e della Toscana chiede che sia fatta chiarezza sulla dinamica dell’incidente mortale, a maggior ragione nel contesto non ancora ben definito che ha generato la tragedia. “Alla famiglia e ai compagni di lavoro di Jorge esprimiamo la nostra sentita vicinanza. Jorge è sempre stato un faro ed un maestro per tutti in cooperativa, ricordiamo un uomo sempre disponibile al confronto e che con i suoi 30 anni di esperienza è stato un riferimento per tutti, anche per la Flai mugellana e fiorentina, che ricorda Jorge come un compagno sempre disponibile a mettere la sua esperienza al servizio della comunità”.

Articoli correlati

Como, muore schiacciato da escavatore

Aveva 38 anni ed era titolare di un’azienda agricola. Flai, Fai, Uila, Fillea, Filca, Feneal: “Si rafforzi la cultura della sicurezza sul lavoro, come modello...

Mantova, due gravi infortuni sul lavoro, Flai Cgil: “Sembra un bollettino di guerra, situazione inaccettabile”

Due incidenti in meno di una settimana, in un'azienda casearia e in una di lavorazione della carne Nella guerra del capitale al lavoro ci sono...

Agricoltura, a Brindisi è allarme rosso

Gabrio Toraldo, Flai Cgil: “Rischiamo di perdere tutti i lavoratori, siamo pronti a manifestare” “Parliamo di agricoltura 4.0, ma ci scontriamo con la dura realtà...